Welcome: Egitto a +145% ma c’è l’incognita pricing

Welcome: Egitto a +145% ma c’è l’incognita pricing
15 febbraio 08:32 2019 Stampa questo articolo

A Istanbul il top management Welcome Travel ha reso noti i trend del Gruppo. Quelli dell’anno appena trascorso, dei primi mesi del 2019, dei segmenti più significativi. Guardando alle destinazioni, il network ha calcolato nei primi mesi del 2019 una crescita del 145% dell’Egitto, re indiscusso della stagione. E ancora: +127% degli Emirati, +30% dell’Oman, +50% dell’America Latina, +42% dell’Italia, +15% degli Stati Uniti. Sono in calo invece del 24% Canarie e Capo Verde, mentre sui Caraibi la contrazione è del 17%, a fronte di una crescita del 10% dell’Oceano Indiano.

«La scena è dominata dalla crescita inarrestabile dell’Egitto, che già lo scorso anno aveva registrato un +125%. Questo condizionerà gli andamenti sull’area mediterranea. Prova ne è il calo del 4% della Spagna e il timido incremento della Grecia al +7%», afferma Laura Antonioli, responsabile coordinamento vendite.

Sull’Egitto pesa ancora, però, l’incognita dei prezzi. A fare da “controllore” del pricing affinché la destinazione non venga svenduta c’è il Gruppo Alpitour con il suo direttore tour operating Pier Ezhaya. «Su questo aspetto – ammette a margine della convention turca – c’è stata finora qualche leggera differenza di vedute con Eden Viaggi, ma stiamo cercando di non abbassare le tariffe. Il problema è che sul mercato continuano a esserci t.o. che vendono a prezzi stracciati. Un fenomeno che fa male a tutti».

E se il 2018 si è chiuso per Welcome Travel Group con un volume d’affari di 1 miliardo e 205 milioni di euro, in aumento del 9% – di cui 682 milioni leisure (+13%) e 523 milioni legati dal Bsp (+3%) – i primi numeri del nuovo anno lasciano ben sperare sul trend di crescita: il fatturato di gennaio e parte di febbraio è a quota 155 milioni di euro, con un balzo in avanti del 14%.

Ma qual è il market share del network sul mercato? La rete Welcome rappresenta il 35% del venduto Alpitour, il 30% di Costa, il 15-20% dei principali t.o., il 10% della biglietteria aerea.

L'Autore

Roberta Rianna
Roberta Rianna

Direttore responsabile

Guarda altri articoli