Voli e sicurezza, Boeing annuncia lo stick antivirus a raggi Uv

Voli e sicurezza, Boeing annuncia lo stick antivirus a raggi Uv
23 Settembre 10:17 2020 Stampa questo articolo

Uno stick a raggi ultravioletti per combattere il coronavirus a bordo degli aerei. È questa la prima novità del progetto Confident Travel di Boeing, che ha annunciato l’accordo per la licenza di brevetto e tecnologia con la Healthe Inc. per la produzione dello stick che uccide virus e batteri.

Lo stick Uv progettato da Healthe, azienda con sede in Florida, utilizza una luce Uvc a 222 nanometri che, secondo studi e ricerche scientifiche, neutralizza in modo efficace gli agenti patogeni. Tutto l’apparecchio assomiglia a un bagaglio a mano e ha bisogno di circa 15 minuti per igienizzare totalmente una cabina di pilotaggio. Il prodotto permette di passare la luce Uv su superfici ad alto contatto, igienizzando ovunque la luce arrivi. Healthe produrrà lo stick a raggi ultravioletti ideato in esclusiva per disinfettare gli interni degli aerei.

Boeing ha progettato e sviluppato lo stick proprio nell’ambito della Confident Travel Initiative (CTI), messa in atto dall’azienda la scorsa primavera per supportare i clienti e migliorare la sicurezza e il benessere di passeggeri ed equipaggi durante la pandemia del Covid19. «Lo stick a raggi Uv è stato concepito per essere più efficace degli analoghi dispositivi esistenti. Disinfetta rapidamente le superfici di un aereo e rafforza ulteriormente gli altri livelli di protezione per passeggeri ed equipaggio – ha affermato Mike Delaney che guida l’iniziativa Confindent Travel – Boeing ha impiegato sei mesi per trasformare un concept in un modello funzionante, e adesso Healthe prenderà quel prototipo e lo renderà disponibile al mondo intero».

Healthe produrrà e metterà in commercio lo stick, aiutando le compagnie aeree e potenzialmente altri a combattere la pandemia. La tecnologia potrebbe essere disponibile per le compagnie aeree già verso la fine dell’autunno. Il dispositivo, secondo quanto afferma la nota di Boeing, è un’aggiunta alle misure di igienizzazione e protezione già in atto, che includono l’uso di filtri Hepa ad alta efficienza che intrappolano oltre il 99,9% delle particelle e ne impediscono il ricircolo nella cabina.

«Siamo orgogliosi di collaborare con Boeing per incrementare la sanificazione dell’aereo in cabina. Ciò potrebbe anche avvantaggiare scuole, ospedali, uffici, e altri luoghi in cui possano annidarsi agenti patogeni – ha affermato Abe Morris, presidente esecutivo di Healthe – Mentre aumentiamo l’implementazione delle nostre soluzioni di luce Uvc e Far-Uvc 222 in molti settori, questo nuovo stick sarà un altro potente strumento di sanificazione per proteggere i passeggeri dalla diffusione di virus dannosi».

Come parte della Confident Travel Initiative, Boeing ha sollecitato feedback da più fonti del settore, che hanno contribuito a convalidare la tecnologia. Etihad Airways è stata la prima a valutare il dispositivo, di cui è stata fatta una dimostrazione sul 787-10 ecoDemonstrator di Etihad il 21 agosto.

  Articolo "taggato" come:
  Categorie

L'Autore

Gabriele Simmini
Gabriele Simmini

Redattore e giornalista de L'Agenzia di Viaggi Magazine.

Guarda altri articoli