Viaggi slow e sicurezza: sempre più italiani scelgono il treno

Viaggi slow e sicurezza: sempre più italiani scelgono il treno
18 Marzo 07:00 2022 Stampa questo articolo

Un italiano su due vuole soprattutto viaggiare, ponendo in cima ai propri desideri una destinazione da sempre sognata (21%) o un viaggio slow (20%). Sono alcuni dati che spiccano dalla ricerca che Trainline,  la piattaforma europea indipendente per la prenotazione dei biglietti dei treni, ha commissionato alla Swg; un’indagine che ha fatto emergere come ben il 74% dei nostri connazionali ha voglia di fare “attività nuove”, mentre il 17% degli intervistati ha dichiarato di voler viaggiare al di fuori dell’Italia, o ancora imparare una nuova lingua (16%).

Due italiani su tre considerano il viaggiare, quindi, tra le proprie passioni principali e dichiarano di non aver perso il desiderio di viaggiare dopo la pandemia. Al contrario, il 33% ambisce a recuperare il tempo perso nell’ultimo periodo, il 31% non vede l’ora di tornare a viaggiare come prima della pandemia.

Riguardo poi alla vacanza ideale, gli italiani tendono a scoprire nuovi luoghi e per gran parte deve essere anche economica: il 66% predilige il mare, il 56% le città d’arte, il 41% la montagna e il 34% le grandi metropoli. Dati in linea alle risposte fornite su cosa cercano gli italiani: per il 42% è il relax, per il 30% arte e cultura. La Generazione Z in particolare cerca divertimento e amici, combinando la voglia di visitare città e viaggiare oltre confine.

A proposito di città, arte e cultura, per il weekend di Pasqua la piattaforma Trainline ha rilevato le tre mete preferite da raggiungere in treno: al primo posto Roma (con il 24% delle preferenze), al secondo Napoli (11%) al terzo Firenze (8%).

Molte cose, poi, sono cambiate anche rispetto all’immaginario delle vacanze pre-pandemia. Alla domanda su come dovrebbero essere le vacanze quest’anno, gli italiani hanno evidenziato una maggiore voglia di natura (+31%), di tranquillità (+29%) e di mangiare bene (+22%). In calo invece il percorrere lunghe distanze (-2%) e l’alloggio in villaggi turistici (-23%).

Di particolare interesse anche le risposte legate alle modalità di spostamento: il  29% dichiara di utilizzare regolarmente mezzi di trasporto collettivi per i propri viaggi di piacere e vacanze. Tra queste tipologie di mezzi di trasporto, il treno è quello utilizzato in maniera più diffusa, il 67% sceglie le rotaie spesso o a volte per i propri viaggi di piacere, mentre l’aereo si ferma al 55%.

Inoltre, i nostri connazionali apprezzano la possibilità di fare altre cose durante il viaggio (52%), il senso di relax che dona guardare fuori dal finestrino (40%), il vantaggio di poter partire e arrivare direttamente dal centro città (37%), la sicurezza del mezzo (30%) e il fatto che sia economico (24%).

Il treno risulta essere il mezzo collettivo preferito in particolare per i weekend fuori porta (28%) mentre l’aereo – per questa stessa tipologia di vacanza – viene scelto solo dal 10% . Anche la stagione in cui si viaggia influisce sulla scelta, il treno viene utilizzato soprattutto in primavera (27% contro il 19% di chi sceglie l’aereo) e in autunno (29% contro il 20% dell’aereo). Nello scegliere un mezzo di trasporto gli italiani cercano soprattutto sicurezza, convenienza e comodità. Il 73% dei rispondenti considera il treno come sicuro e l’aspetto più associato a questo mezzo è l’impatto ambientale.

«Non c’è dubbio – osserva Andrea Saviane, country manager Italia di Trainline  – che per gli italiani ci sia una rinnovata voglia di fare esperienze, intraprendere nuove attività e soprattutto muoversi e viaggiare in tutta serenità, anche i dati della nostra piattaforma ne sono la prova: già confrontando le prenotazioni effettuate tra gennaio e febbraio, abbiamo registrato un +125% di vendita di biglietti per i viaggi con partenza dopo 31 giorni, con un picco di +153% per i viaggi acquistati con 8-30 giorni di anticipo. I più giovani risultano i più propensi a riprendere a viaggiare in ogni situazione, il 38% pensa che viaggerà sicuramente quest’anno. La predilezione della Gen Z per i viaggi in treno conferma i più recenti trend che li vedono protagonisti di scelte rispettose verso l’ambiente e il viaggio su rotaia rende loro la piena libertà di viaggiare attraverso l’Europa, due aspetti fondamentali per Trainline, che quotidianamente lavora per favorire uno shift modale a livello internazionale».

Ultimo aspetto analizzato dalla ricerca ha riguardato l’organizzazione: per gli italiani il viaggio parte dalla programmazione: l’82% prova gusto nell’organizzarlo, l’80% pensa che la pianificazione del viaggio permetta loro di pregustarlo e il 79% dedica molto tempo alla valutazione delle diverse opzioni. Solo il 26% prova una sensazione di ansia in questa fase, per il 15% si tratta invece di una seccatura. E non c’è dubbio che la pandemia ha impattato fortemente anche sui tempi di programmazione delle vacanze: il 31% dedica molto o un po’ più di tempo alla programmazione rispetto a prima. Per i più giovani l’aumento del tempo investito nella programmazione è ancora più evidente coinvolgendo il 41% della fascia d’età 18-24 anni.

La programmazione è un aspetto importante per Trainline e la sua app che permette di cercare, prenotare e gestire il proprio viaggio in treno in modo semplice, confrontando i prezzi di tratte locali, nazionali e internazionali, rimanendo informati su tutto il percorso.

  Articolo "taggato" come:
  Categorie

L'Autore