Vendita di Alitalia, il governo prende tempo

Vendita di Alitalia, il governo prende tempo
16 Gennaio 12:28 2018 Stampa questo articolo

Un’ora di incontro e un nulla di fatto se non l’evidenza che governo e commissari hanno bisogno di più tempo per analizzare le offerte per la vendita di Alitalia e proseguire le trattative. È questo il resoconto del meeting tra il ministro dello Sviluppo economico, Carlo Calenda, e il ministro delle Infrastrutture e trasporti, Graziano Delrio, e i commissari straordinari Luigi Gubitosi, Enrico Laghi e Stefano Paleari.

“Le manifestazioni di interesse pervenute devono essere ulteriormente approfondite prima di poter procedere ad una negoziazione in esclusiva. I ministri hanno dato istruzione ai commissari di procedere velocemente in presenza di un’offerta solida e credibile”, si legge in una nota congiunta pubblicata dai due ministri al termine dell’incontro, mentre i commissari hanno confermato che la società nel primo trimestre presenterà ricavi in crescita rispetto all’anno precedente e che il prestito-ponte dello Stato non è stato intaccato.

Le manifestazioni d’interesse in campo rimangono, quindi, sempre tre: il fondo Cerberus, Lufthansa e easyJet. Quest’ultima è stata accostata a un rinnovato interesse di Air France-Klm-Delta che avrebbero chiesto un accesso separato ai dati, ma sabato scorso da Parigi è arrivata la secca smentita.

A questo punto, la scelta tra le due offerte vincolanti di Lufthansa e easyJet e la proposta Cerberus (che prenderebbe in considerazione una partecipazione di Cassa depositi e prestiti) potrebbe slittare di qualche settimana e si fa sempre più concreto il rischio di portare il tema della vendita Alitalia in campagna elettorale se non oltre.

  Articolo "taggato" come:
  Categorie

L'Autore