Usa, i parchi Disney tagliano 28mila dipendenti

Usa, i parchi Disney tagliano 28mila dipendenti
30 Settembre 11:20 2020 Stampa questo articolo

Con una lettera ai dipendenti da parte del presidente di Disney Parks, Experiences and Products, Josh D’Amaro, la Walt Disney Company taglierà la sua forza lavoro di 28mila unità. Insomma, circa due terzi dei dipendenti rischiano di essere licenziati a causa del disastroso effetto Covid.

“Abbiamo tagliato le spese, sospeso i progetti di capitale, licenziato i membri del cast pur continuando a pagare i benefici e modificato le nostre operazioni per funzionare in modo efficiente per quanto possibile, tuttavia, semplicemente non possiamo mantenere in modo responsabile tutto il personale mentre operiamo con una capacità così limitata”, ha scritto nella lettera D’Amaro.

«Per quanto sia straziante intraprendere questa azione, questa è l’unica opzione fattibile che abbiamo alla luce dell’impatto prolungato di Covid-19 sulla nostra attività», ha aggiunto.

I funzionari Disney hanno affermato che la società fornirà pacchetti di licenziamento per i dipendenti, se del caso, e offrirà anche altri servizi per aiutare i lavoratori con l’inserimento lavorativo. Il segmento dei parchi, delle esperienze e dei prodotti di consumo è fondamentale per il modello di business di Disney. Solo lo scorso anno, il settore ha rappresentato circa il 37% del fatturato totale dell’azienda di 69,9 miliardi di dollari.

L’annuncio a sorpresa del taglio di 28mila dipendenti nei suoi parchi divertimento fa calare i titoli Disney a Wall Street, dove arriva a perdere il 2%. Il taglio mostra, secondo gli investitori, come il settore dei viaggi e dell’intrattenimento sarà il più lento a riprendersi dalla crisi del coronavirus.

  Articolo "taggato" come:
  Categorie

L'Autore