Uk, pressing di British sul governo: “Aprire ai viaggi internazionali”

Uk, pressing di British sul governo: “Aprire ai viaggi internazionali”
15 Marzo 12:27 2021 Stampa questo articolo

Dopo le vaccinazioni di massa, che nel Regno Unito sono ormai in fase avanzata, ora è tempo di riaprire ai viaggi internazionali mettendo campo ogni tipo di passaporto vaccinale. Il ceo di British Airways, Sean Doyle, lancia l’appello al governo inglese affinché si possa riprendere a viaggiare in vista dell’estate.

«In Gran Bretagna stiamo facendo grandi progressi nella lotta alla pandemia – ha detto Sean Doyle – Siamo in una posizione di vantaggio nell’uscita dal tunnel del Covid-19 e dobbiamo assicurarci, ora, di essere nella stessa posizione di avanguardia anche rispetto alla ripresa dei viaggi e a della economica. Dobbiamo riaprire ai viaggi internazionali prima che un’altra estate sia rovinata».

Per Doyle, inoltre «tutte le persone vaccinate o immunizzate dovrebbero poter avere libertà di viaggiare in forma illimitata e senza restrizioni, e lo stesso principio deve valere per chi presenta un risultato negativo ai test».

Biritsh Airways vuole spingere il governo inglese, quindi, ad adottare al più presto un pass sanitario digitale come quello che sta cercando di varare l’Unione Europea. Nel frattempo, la compagnia del Gruppo Iag ha già introdotto un form online sul sito che serve a caricare i certificati vaccinali e i risultati dei test per i clienti che prenotano online. Allo stesso tempo, British sta testando in via sperimentale sia il passaporto sanitario VeriFly per i voli con gli Usa, sia lo Iata Travel Pass per i voli a lungo raggio.

«Il governo deve già preparare al più presto un modello da sperimentare e deve essere ambizioso utilizzando le nuove tecnologie per verificare lo status vaccinale e dei test dei passeggeri – ha ricordato Doyle – Non possiamo perdere questa occasione».

I viaggi internazionali non essenziali sono ancora proibiti in Uk fino al prossimo 17 maggio – secondo la roadmap varata dal premier Boris Johnson – ma la taskforce governativa valuterà solo il prossimo 12 aprile se sarà possibile anticipare o meno questa data.

Nel frattempo, però, in Gran Bretagna i cittadini stanno già pianificandole loro prossime vacanze, spinti dagli ottimi segnali di discesa dei contagi e dei morti causati da Covid-19, e lo dimostrano le impennate di prenotazioni di viaggi avvenute in queste ultime settimane.

Secondo la stampa locale Cipro, Israele, Grecia, Spagna e Turchia sono i Paesi che stanno beneficiando di più di queste nuove prenotazioni. Paesi che stanno spingendo la propria promozione sia a livello operativo, sia normativo e di marketing, creando delle vere e proprie aree Covid free o instaurando dei corridoi turistici con il Regno Unito.

  Articolo "taggato" come:
  Categorie

L'Autore