Toscana, crescono spesa dei turisti stranieri e arrivi negli aeroporti

Toscana, crescono spesa dei turisti stranieri e arrivi negli aeroporti
12 novembre 12:01 2018 Stampa questo articolo

Italia in buona salute e Toscana superstar tra le regioni anche nel 2018: secondo i primi rilevamenti da gennaio a luglio, sebbene parziali, sia il Paese nel suo complesso che una delle sue regioni più rappresentative chiudono un pre-consuntivo dell’anno col segno positivo.

Innanzitutto buone notizie per l’Italia che, nei primi sette mesi del 2018, vede crescere le presenze turistiche totali del +1,4% e quelle dei soli stranieri del 2,3%. Stranieri che ormai rappresentano la fetta più ampia del turismo nel nostro Paese (52%). In crescita anche la spesa dei turisti internazionali (+2.9%), mentre rimangono stabili gli arrivi negli aeroporti italiani anche se non mancano alcune performance degne di nota, quelle quelle degli statunitensi (+13.3%), dei cinesi (+2.6%) e degli spagnoli (+2.2%).

E anche per la Toscana si prospetta un’altra ottima annata: ammonta infatti a 1,8 miliardi di euro la spesa dei turisti stranieri in Toscana nei primi sei mesi del 2018, per una media di 113,4 euro al giorno, pari ad un+ 7% rispetto allo stesso periodo del 2017.

Dati presentati da Maria Elena Rossi, direttore marketing e promozione di Enit, intervenuta a Buy Tuscany, l’evento di business organizzato da Toscana Promozione Turistica alla stazione Leopolda di Firenze. Evento a al quale han preso parte 100 operatori toscani e oltre 220 buyer internazionali interessati all’offerta  turistica toscana. Una kermesse che ha raccolto un largo consenso tra tutti i partecipanti: oltre il 90% dei buyers e seller presenti si son dichiarati soddisfatti del lavoro fatto, confermando che gli incontri avuti si concretizzeranno in business.

Buoni segnali, oltre che dalla Leopolda, arrivano anche dal fronte del traffico passeggeri negli aeroporti toscani per le prossime vacanze natalizie: in linea con quelli di dicembre 2017 gli arrivi previsti a Firenze e in crescita del +22.7% quelli su Pisa.

E a crescere sono soprattutto i viaggi di lunga durata e le prenotazioni in prima classe (+65.4%) e business (+9.3%). Il 2018, che anche per dicembre sta facendo registrare un +3.5% nelle previsioni degli arrivi aeroportuali rispetto allo stesso mese del 2017, si avvia ad essere un nuovo anno record per il turismo in Italia e in Toscana. Il quarto consecutivo e il primo in cui si assiste, a livello nazionale, al sorpasso delle presenze straniere su quelle italiane cresciute, da gennaio a luglio, solo del +0,5% contro il +2,3% dei turisti internazionali.

L'Autore

Andrea Lovelock
Andrea Lovelock

Guarda altri articoli