Sulle orme della Tuscia, dal lungolago di Capodimonte alla Viterbo dei Papi

08 giugno 07:00 2018 Stampa questo articolo

Canino e la sua Necropoli di Vulci, antica città etrusca nella Maremma laziale; Capodimonte, dove nel suo punto più alto si erge la maestosa Rocca Farnese, affacciata sulla sponda meridionale del Lago di Bolsena; non troppo distante Marta, borgo di pescatori forte della sua Torre dell’Orologio, di epoca medievale; e Viterbo, sulle orme dei pontefici romani. È tra queste vie che si è distribuita l’essenza della decima edizione di Visit Tuscia, organizzata dal Cat – Centro Assistenza Tecnica Sviluppo Imprese di Viterbo.

«Si tratta di un’iniziativa decisiva per lo sviluppo della Tuscia – ha dichiarato Vincenzo Paparello, presidente del Cat – A suo favore depongono i dati che parlano di una ricaduta del 30% di crescita sulla programmazione dei tour operator e un incremento sostanziale in termini di fatturato per le aziende che vi partecipano ogni anno».

Quattro reti d’impresa – Discover Canino, Naturalmente Capodimonte, Visit Marta ed Enjoy Viterbo – come fossero una soltanto, a fare squadra per presentarsi più forti al mercato globale, dove l’unione può risultare una delle carte vincenti, lavorando su concetti chiave come il marketing e la tecnologia e interagendo con i Comuni di riferimento, i soggetti beneficiari dei finanziamenti ottenuti dalla Regione Lazio.

In Tuscia c’è tutto, dai castelli alle sorgenti di acque termali, passando per i boschi e i paesini arroccati. C’è l’incredibile storia di Viterbo, scritta per gran parte tra le mura del duomo e del Palazzo dei Papi (qui si è svolto il conclave più lungo della storia, di 1006 giorni); ci sono le necropoli etrusche o la tradizione centenaria dei prodotti – primo fra tutti l’olio extra vergine d’oliva – di Canino; ma c’è soprattutto il Lago di Bolsena, il più grande dei bacini craterici d’Italia (è vulcanico) e situato nella parte settentrionale del Lazio, con le sue due isole: quella Martana e la Bisentina. E sul Fiume Marta, la Residenza La Cannara, per chi predilige un soggiorno a contatto con la natura: oltre al giardino e alla piscina, è stata concepita da poco anche una Spa.

Tra le novità presentate a Visit Tuscia, infine, il pacchetto turistico in Kayak: un percorso al giorno, da 14 a 16 chilometri, in giro lungo il Lago di Bolsena. I quattro punti di riferimento della proposta sono i Camping Mario, Internazionale il Lago, La Perla del Lago e l’agricamping Monterotondo.

 

  Articolo "taggato" come:
  Categorie

L'Autore

Giulia Di Camillo
Giulia Di Camillo

Guarda altri articoli