Stretta Usa sulle crociere a Cuba

Stretta Usa sulle crociere a Cuba
05 Giugno 11:56 2019 Stampa questo articolo

Cuba continua a giocare un ruolo destabilizzante nel mondo occidentale”. Arriva con questa motivazione la stretta dell’amministrazione Trump sui viaggi dei cittadini statunitensi verso l’Isla Grande. Una decisione che riguarda i cosiddetti “people to people”, ovvero le visite di gruppo ed educative e anche le navi da crociera.

Il 4 giugno scorso il Tesoro Usa ha infatti messo al bando – con decorrenza dal 5 giugno, al momento della pubblicazione sul Federal Register – le visite di gruppo educative e ricreative permesse da Obama e usate dagli americani per avere la possibilità di soggiornare a Cuba.

Le crociere dagli Stati Uniti a Cuba erano riprese a maggio 2016 proprio durante la precedente amministrazione e, stando agli ultimi dati, nei primi quattro mesi del 2019 oltre 140mila persone sono arrivate sull’isola a bordo delle grandi navi. Un aumento di oltre il 300% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

L’amministrazione statunitense ha dichiarato che negherà anche i permessi per aerei e navi private e aziendali. Non sembrano interessati dalle sanzioni i voli commerciali e i viaggi per gruppi universitari, ricerche accademiche, incontri giornalistici e professionali.

Le compagnie di navigazione stanno studiando il provvedimento e monitorando gli sviluppi e le possibili soluzioni, prima di fare comunicazioni ufficiali ai passeggeri e agli operatori del travel.

Il segretario al Tesoro, Steven Mnuchin, ha dichiarato che il provvedimento è legato al fatto che Cuba fornisce «un punto di appoggio comunista nella regione e sostiene gli avversari statunitensi in luoghi come il Venezuela e il Nicaragua» attraverso azioni che «alimentano l’instabilità, minano lo stato di diritto e sopprimono i processi democratici».

È arrivata la replica del ministro degli esteri cubano Bruno Rodriguez: «L’obiettivo delle nuove sanzioni è di soffocare l’economia e danneggiare le condizioni di vita dei cubani al fine di ottenere con coercizione concessioni politiche. Falliranno ancora una volta».

  Articolo "taggato" come:
  Categorie

L'Autore

Claudia Ceci
Claudia Ceci

Guarda altri articoli