Stop ai voli dalla Cina: la decisione dell’Italia

Stop ai voli dalla Cina: la decisione dell’Italia
31 Gennaio 12:00 2020 Stampa questo articolo

L’Italia chiude gli aeroporti ai voli da e per la Cina. Dopo lo stop deciso da numerose compagnie aeree straniere, adesso il blocco ai collegamenti via aria è stato imposto anche dal premier Giuseppe Conte, dopo che anche nel nostro Paese sono ci sono stati due casi accertati di coronavirus.

Una volta atterrati nelle prime ore della mattinata a Fiumicino e Malpensa anche gli ultimi cinque voli in arrivo dalla Cina, nessun nuovo aereo potrà così arrivare negli aeroporti dello Stivale se proveniente dal Paese del Dragone. Perplessità verso l’efficacia di una misura di questo genere, si legge però su corriere.it, sono state espresse da più parti, dal momento che buona parte dei passeggeri cinesi che atterrano in Italia, lo fanno provenienti da scali intermedi come quelli di Dubai, Doha, Istanbul e Mosca.

Intanto, ai passeggeri e al personale dei voli atterrati questa mattina è stata misurata la temperatura da medici saliti a bordo con mascherine e tute, ed è stato consegnato un vademecum con le indicazioni dei presidi a cui rivolgersi in caso di sintomi sospetti. Inoltre, è stato chiesto a tutti di compilare una scheda con residenza e spostamenti passati e futuri per «tracciare» i passeggeri in caso di futuro contagio.

Oltre a compagnie come British Airways, American Airlines, Lufthansa, Swiss, Austrian Airlines, Air France, Paesi come gli Stati Uniti hanno emesso un’avviso in cui chiedono ai propri concittadini di non viaggiare nel Paese asiatico, mentre il Giappone vieterà l’ingresso all’interno dei confini nazionali a quelle persone che sono state contagiate dal coronavirus.

Al momento, è salito a 213 morti il bilancio dell’epidemia di coronavirus in Cina, mentre i casi di contagio confermati sono 9.692. Lo ha riferito la Commissione nazionale della Sanità cinese, secondo la quale 1.527 pazienti sono in condizioni critiche, mentre oltre 15mila persone sono sospettate di aver contratto il coronavirus.

  Articolo "taggato" come:
  Categorie

L'Autore

Giorgio Maggi
Giorgio Maggi

Guarda altri articoli