Spagna, colpo al turismo: obbligo di test Pcr anche per gli europei

Spagna, colpo al turismo: obbligo di test Pcr anche per gli europei
12 Novembre 15:18 2020 Stampa questo articolo

Brusca novità in Spagna per chi deve entrare nel Paese dall’estero. Dal 23 novembre, infatti, il governo chiederà l’obbligo di presentare un test Pcr negativo al Covid-19 in tutti gli aeroporti spagnoli ai viaggiatori internazionali provenienti dai Paesi a rischio. Il test deve essere stato effettuato entro le 72 ore prima dello sbarco. Non basterà, quindi, il tampone rapido (antigenico) per passare la frontiera, nemmeno per i cittadini dell’Unione Europea.

Nel Boletín General del Estado, infatti, il governo iberico ha pubblicato la lista dei circa 60 Paesi considerati ad alto rischio e tra questi ci sono tutti i principali mercati turistici della penisola: Germania, Regno Unito, Francia e Italia. Gli unici Paesi europei che sarebbero esentati dal test Pcr sono Norvegia, Grecia, Danimarca e Portogallo.

L’annuncio è stato dato dal ministro della Salute, Salvador Illa, che ha sottolineato come, già da questo momento, il modulo di controllo sanitario che tutti i passeggeri devono compilare per entrare in Spagna (al sito www.spth.gob.es o tramite l’applicazione Spain Travel Healht-SpTh), riporterà anche la domanda relativa al possesso o meno della “prova diagnostica negativa al Covid-19”.

Lo sgomento dell’industria turistica spagnola si catalizza soprattutto alle isole Canarie dove, da sabato 14 novembre, entra in vigore un ordinanza che permette a tutti i turisti di entrare eseguendo solo il tampone rapido in aeroporto. Il decreto governativo annunciato dal ministro della Salute, entrando in vigore una settimana dopo, manda in crisi i tour operator che stavano già organizzando charter e pacchetti per il mercato europeo. L’introduzione dei test Pcr, invece, ipoteca la possibilità di organizzare gruppi a causa delle tempistiche e dei costi aggiuntivi provocati dalla nuova misura in vigore. Inoltre, se un turista dovesse presentarsi alle Canarie solo con il risultato del tampone rapido (senza il test Pcr) incorrerebbe in una multa di minimo 3mila euro.

Per tutte le informazioni e gli aggiornamenti è possibile consultare il sito della Farnesina alla scheda Paese Spagna.

  Articolo "taggato" come:
  Categorie

L'Autore

Gabriele Simmini
Gabriele Simmini

Redattore e giornalista de L'Agenzia di Viaggi Magazine.

Guarda altri articoli