Sichuan Airlines, esordio a Roma con il volo per Chengdu

Sichuan Airlines, esordio a Roma con il volo per Chengdu
25 Giugno 15:15 2019 Stampa questo articolo

È partito questa mattina da Roma Fiumicino il nuovo volo della Sichuan Airlines per Chengdu, la città detta “il paese celeste”, famosa per i panda giganti. Il collegamento diretto viene operato tre volte a settimana (martedì, giovedì e sabato) con partenza alle 13.25 e arrivo – dopo 11 ore di volo – alle 5.50 del giorno successivo.

«Roma è la quarta destinazione europea servita dalla nostra compagnia – ha sottolineato Wang Fei, direttore del comitato commerciale di Sichuan Airlines – E l’avvio di questo collegamento rientra nella strategia di internazionalizzazione dell’aerolinea che vede in Roma uno dei punti nevralgici di sviluppo, con un movimento annuale stimato intorno ai 30mila passeggeri».

Alla cerimonia per il volo inaugurale era presente il sottosegretario ai Trasporti, Michele Geraci che ha tenuto a precisare come «Questo nuovo volo è anche il risultato di un netto consolidamento dei rapporti commerciali fra Italia e Cina e della firma del Mou sulla Belt and Road, voluto dal Governo italiano in funzione dell’incremento del flusso di turisti cinesi in Italia. La firma del Mou con la provincia di Sichuan porterà nuovi benefici nell’interscambio turistico-commerciale fra il nostro paese e la provincia cinese.»

Un nuovo operativo che, come ha ricordato Fausto Palombelli, chief commercial officer di Aeroporti di Roma, «porta a 44 le frequenze settimanali sulla rotta Roma-Cina, consolidando il nostro primato che porta a ben 12 le destinazioni servite e connesse a Fiumicino, divenendo così il principale gate d’ingresso del mercato cinese in Europa. E se quest’anno contiamo di toccare i 900mila passeggeri da e per la Cina, il prossimo anno puntiamo al milione di pax.»

Sulle aspettative di traffico è stato molto esplicito Shark Wang, general manager Sichuan Airlines per l’Italia: «Con una ripartizione al 50% fra traffico leisure e business prevediamo che un buon 70-80%  dei nostri passeggeri sarà cinese e il restante saranno viaggiatori italiani, grazie anche all’ausilio di t.o. e adv specializzati».

Con 150 aeromobili in flotta e ordini per altri 40 aerei, Sichuan Airlines serve 160 rotte, di cui un buon 80% in Cina e il restante nel mondo. I passeggeri in prosecuzione verso altre mete internazionali, possono beneficiare del programma 72 Hours Visa Free Transit Policy, che permette l’ingresso in Cina senza visto per la durata massima di 72 ore tra un volo e l’altro.

L'Autore

Andrea Lovelock
Andrea Lovelock

Guarda altri articoli