Se paghi via app risparmi: così si evolve il pricing

by Andrea Lovelock | 16 Novembre 2017 11:22

Una ricerca apparsa sull’Harward Business Review, riportata dall’Adnkronos, rileva che nel trasporto aereo è in atto una personalizzazione delle tariffe, che viene attuata da alcune compagnie aeree e dai motori di ricerca tramite un algoritmo. In buona sostanza, a seconda del dispositivo usato e della zona dove viene effettuata la prenotazione aerea, si avranno prezzi diversi per uno stesso identico volo.

Il consulente della rivista internazionale Rafi Mohammed ha analizzato il fenomeno dimostrando che, ad esempio, utilizzando l’app di Orbitz per acquistare un pacchetto aereo+hotel si ottiene un prezzo migliore rispetto all’accesso sul sito tramite pc, dove sarebbe più caro del 6,5% (circa 117 dollari).

La portavoce di Expedia, a cui fa capo Orbitz, ha confermato lo scarto tariffario poiché le differenze di prezzo tra l’app e il sito possono essere dovute al fatto che i fornitori consentono di offrire prezzi diversi ai clienti che si collegano da mobile. «Si sta verificando una personalizzazione rudimentale delle tariffe – scrive Mohammed – Alcuni clienti ricevono prezzi diversi rispetto ad altri».

Per il consulente di Harward Business Review, gli algoritmi che usano le compagnie aree e i motori di ricerca funzionano un po’ come i rivenditori di automobili. «L’obiettivo dei venditori – dice – è capire quanto ogni cliente è disposto a pagare per un’auto, tramite la negoziazione individuale. I prezzi vengono personalizzati a seconda delle caratteristiche di ciascun cliente e osservando le loro azioni. Come si vestono, le risposte che danno a domande apparentemente innocue (dove vivi, cosa fai per vivere?) che però forniscono indizi».

Source URL: https://www.lagenziadiviaggi.it/se-paghi-via-app-risparmi-cosi-si-evolve-il-pricing/