Sciopero Ryanair il 10 agosto anche in Germania

Sciopero Ryanair il 10 agosto anche in Germania
08 agosto 17:41 2018 Stampa questo articolo

Dopo lo stop di Irlanda, Belgio e Svezia, si allarga anche alla Germania lo stato di agitazione dei piloti Ryanair con lo sciopero indetto per venerdì 10 agosto 2018. La compagnia fa sapere in una nota di essere costretta a cancellare 250 degli oltre 2.400 voli in programma quel giorno.

I clienti coinvolti da queste inutili cancellazioni sono stati contattati in queste via mail e sms e informati sulle loro opzioni: riprotezione gratuita sul primo volo disponibile o trasferimento a un volo alternativo.

«Siamo dispiaciuti della decisione del sindacato dei piloti VC di portare avanti questa inutile azione di sciopero, dato che abbiamo inviato venerdì 3 agosto una proposta rivista per il Contratto Collettivo di Lavoro e abbiamo dichiarato la nostra intenzione a collaborare per raggiungere insieme un accordo», dichiara Kenny Jacobs, chief marketing officer Ryanair, che ricorda di avere invitato VC a fissare un incontro martedì 7 agosto, ma di non avere avuto risposta.

«I nostri piloti in Germania – prosegue – godono di eccellenti condizioni di lavoro. Sono pagati fino a 190.000 euro l’anno e, oltre a ulteriori benefici, hanno ricevuto all’inizio di quest’anno un aumento del 20%. I piloti Ryanair guadagnano almeno il 30% in più rispetto a Eurowings e il 20% in più di quelli Norwegian».

Jacobs fa anche sapere di aver «chiesto a VC di fornirci almeno 7 giorni di preavviso per qualsiasi azione di sciopero pianificata in modo da poter informare preventivamente i nostri clienti in merito ai voli cancellati e offrire loro rotte alternative o rimborsi, ma si sono rifiutati di farlo e hanno invece indetto un inutile sciopero in Germania dopo soli due giorni».

Ryanair ha invitato nuovamente VC a ritirare la minaccia di sciopero «ingiustificato e non necessario», a impegnarsi a fornire un «ragionevole preavviso» (7 giorni) e ad accettare gli inviti a «partecipare a negoziazioni significative per un Contratto Collettivo di Lavoro per i piloti tedeschi e ridurre al minimo i disagi per i clienti in Germania», conclude Jacobs.

  Articolo "taggato" come:
  Categorie

L'Autore