Sandals rinnova il resort Halcyon Beach nelle Piccole Antille

Sandals rinnova il resort Halcyon Beach nelle Piccole Antille
14 Gennaio 14:03 2019 Stampa questo articolo

Sandals Resorts International presenta sul mercato italiano le primissime novità del 2019: sul fronte prodotto lancia il rinnovato Sandals Halcyon Beach; su quello dell’impegno sociale e ambientale, presenta le nuove attività svolte dalla Sandals Foundation a supporto delle popolazioni locali.

Tra le 19 proprietà della catena di resort Luxury Included ai Caraibi, il Sandals Halcyon Beach è la terza del brand Sandals Resorts (per sole coppie di adulti) a St. Lucia, isola delle Piccole Antille. «Il Gruppo investe sulla destinazione con segnali chiari – afferma Paola Preda, country manager Italy – L’ammodernamento del Sandals Halcyon Beach e l’apertura di una quarta struttura sull’isola ci incentivano a promuovere anche sul mercato italiano una meta non ancora particolarmente conosciuta, ma che garantisce un’esperienza di vacanza di qualità in un paesaggio inaspettato».

Tra i picchi verdeggianti delle colline e le cime dei vulcani Pitons, l’acqua cristallina e i colori accesi della vegetazione, il resort è collocato nei pressi della capitale Castries, ha 169 camere e 16 ristoranti gourmet alla carta grazie alla formula Stay At One Play At Three, propone da quest’anno due nuove categorie di suite e la più estesa river pool dei Caraibi.

Sandals Resorts International è inoltre impegnato da sempre anche sul tema della salvaguardia ambientale non solo di St. Lucia, ma anche di Giamaica, Barbados, Bahamas, Grenada, Turks&Caicos e Antigua. Ultima novità, dal febbraio 2019 sarà eliminato il polistirolo da tutte le proprietà dei brand Sandals Resorts e Beaches Resorts, dopo la sostituzione delle cannucce monouso di plastica lo scorso anno.

Sandals Foundation, organizzazione no profit fondata dal Gruppo dieci anni fa, continua le attività di sostegno alla popolazione locale con iniziative volte alla tutela della salute, ovvero la donazione di oltre 6 milioni di dollari tradotti in visite oculistiche e odontoiatriche per 34mila persone.

  Articolo "taggato" come:
  Categorie

L'Autore