Ryanair: il passeggero dimentica, l’agenzia di viaggi no

Ryanair: il passeggero dimentica, l’agenzia di viaggi no
21 settembre 14:41 2017 Stampa questo articolo

Italiani popolo di smemorati, più che di santi e poeti. Abbiamo dimenticato in fretta chi ci ha ucciso al mercatino e sulla Rambla, figurarsi se serberemo rancore per l’irlandese che per un paio di mesi ci lasciò a terra con le pive nel sacco. A terra, ma tutto sommato illesi.

Se le cose andranno come Michael O’Leary spera, tra un capitombolo sui conti e un’aggiustatina ai contratti di lavoro, il modello Ryanair potrebbe buttarsi alle spalle con discreta disinvoltura la prima vera perturbazione della sua storia. Torneranno i voli garantiti, facendo leva su prezzi irrinunciabili e marketing ai limiti della guerrilla. Italiani come fenici, che dalle ceneri della rabbia risorgeranno scanzonati di fronte a un biglietto Roma-Londra a 9,99 euro. “Ma sì, me la rischio – penserà il cliente medio – Intanto prenoto il volo, all’hotel ci penso dopo”.

Nello stesso scenario, che sul fronte consumer non sembra avere nulla di apocalittico, l’unico canale a risentirne davvero sarà quello intermediato. È facile immaginare che agenzie di viaggi, tour operator e tutto il segmento business travel non avranno una memoria tanto corta.

Ryanair potrebbe così tornare alle origini, quando era un prodotto lontanissimo dai banchi delle adv, a uso esclusivo del fai da te. Addio gruppi, quindi. Addio viaggiatori d’affari. Addio ai proclami del programma Always getting better. Perché Something is getting worst, quantomeno nel trade.

  Articolo "taggato" come:
  Categorie

L'Autore

Roberta Rianna
Roberta Rianna

Direttore responsabile

Guarda altri articoli