Rotta su Malta per il digital detox firmato Gattinoni

Rotta su Malta per il digital detox firmato Gattinoni
25 Ottobre 12:00 2017 Stampa questo articolo

Nell’era delle iperconnessioni la parola d’ordine è digital detox. Se n’è parlato nel nuovo Hub Gattinoni di via Statuto a Milano, in una serata dedicata a Malta, come destinazione ideale per rilassarsi e staccare la spina. Il mondo digitale ha cambiato le nostre abitudini, influenzando il tempo del lavoro e la nostra energia: più che la ricarica della batteria dello smartphone, infatti,  è l’individuo che ha bisogno di ricaricarsi e riposare. Ecco perché catene alberghiere e nuove professioni del turismo oggi puntano a garantire servizi e destinazioni che rappresentino un mix di quiete, concentrazione e tutta una serie di esperienze positive, dedicate al benessere della persona.

A dare il benvenuto agli ospiti milanesi Isabella Maggi, direttore comunicazione e marketing Gruppo Gattinoni, che ha spiegato: «Prendersi del tempo per sé porta beneficio alla persona e alla vita professionale. Oggi proponiamo alle nostre aziende-clienti il concetto di energy management, per gestire meglio le nostre energie, e lo abbiniamo a Malta, isola in cui armoniosamente convivono lavoro e benessere».

Durante la serata ha preso parola anche Alessio Carciofi, ideatore della metodologia digital felix, che tra risate e cliché sulle “cattive” abitudini che influenzano il nostro uso smodato dei cellulari – basti pensare che secondo alcuni studi, gli individui controllano in media le email ben 70 volte al giorno – ha fatto riflettere agenti ed ospiti sul calo dell’attenzione e sulle pratiche virtuose per migliorare la nostra vita nel lavoro, anche nel settore dei viaggi.

«Per vivere al meglio la rivoluzione digitale – ha spiegato carciofi – le aziende corporate avranno sempre più bisogno dell’attenzione dell’uomo. Il nuovo lusso è diventato il silenzio, che ci aiuta e ci permette di concentrarsi sui nostri focus e gli obiettivi più importanti; ma anche il sonno, il dormire bene in una società sempre più insonne e bulimica di input e informazioni».

Ecco perché alcuni hotel di lusso offrono la nuova “consulente per il sonno” e ci sono tendenze nell’architettura, come le pareti indoor di reception e sale d’aspetto, che vengono rivestite da piante e zone verdi che aiutano a rilassarsi, ricordandoci il nostro bisogno primario di restare a contatto con la natura.

Fra le soluzioni a queste problematiche ci sono, ovviamente, i viaggi e le vacanze. Spazio quindi alla promozione di Malta, meta  che sposa questa nuova filosofia grazie a un’offerta di brezza marina, clima mite e soleggiato tutto l’anno e dieta mediterranea. A raccontarne i luoghi e i colori dell’isola con la naturale vocazione detox è stato Claude Zammit Trevisan, direttore del Malta Tourism Authority per l’Italia che ha ricordato le buone abitudini e le idee rilassanti più semplici fornite a chi raggiunge l’isola di Malta. «Le costiere a picco sul mare distano solo un quarto d’ora di macchina dagli uffici e dalla città, i palazzi e le chiese antiche sono un’evasione culturale perfetta per la mente e gli appassionati d’arte. Poi c’è la gastronomia a chilometro zero per un’alimentazione sana e gli hotel vicini al mare, le farmhouse per il relax nelle colline di Gozo, i boutique hotel ricavati da edifici storici, per coccolare la vista con il nuovo design».

«Sport come il trekking o il rock climbing, e quelli dedicati al mare come la vela e lo snorkeling sono praticabili a vari livelli di preparazione. Tra panorami mozzafiato, ottima gastronomia e cultura millenaria Malta è la destinazione ideale per i viaggi incentive», ha ricordato la marketing manager di Malta Tourism Authority, Ester Tamasi, presentando il segmento Conventions Malta.

Con lei anche Davide Chia, managing director di Colours of Malta che ha raccontato per immagini le caratteristiche di varie location che hanno ospitato eventi in serate d’élite sia per piccoli team sia per grandi gruppi: dall’affascinante Cafè del mar ai Bastioni della Valletta alla prestigiosa sala della Sacra Infermeria dei Cavalieri di Malta.

L'Autore

Valentina Castellano Chiodo
Valentina Castellano Chiodo

Guarda altri articoli