Robintur-Nuova Planetario, colpo di fine anno della gdo

04 gennaio 13:58 2017 Stampa questo articolo

A pochi giorni dalla fine dell’anno si è conclusa l’ennesima operazione di mercato che interessa il sistema delle adv. Ė stato firmato, infatti, l’atto di fusione tra Robintur e Nuova Planetario. La nuova società, operativa dal 1° gennaio 2017, unifica oltre 90 agenzie di viaggi sotto Robintur Spa e ne affilia più di 200.

Una delle più grandi reti dirette italiane, quindi, si presenta la nuovo anno coprendo quasi tutto il territorio nazionale, preparando il lancio di nuovi loghi articolati per canale e mercato, e presentando un fatturato di oltre 230 milioni di euro, che supera i 500 milioni se si considerano anche gli oltre 200 affiliati.

La società mantiene la propria sede a Bologna operando nei segmenti leisure, business travel e turismo organizzato. Il piano industriale, che sarà approvato dal cda nei primi mesi del 2017, prevede, nei prossimi tre anni, un importante programma di riorganizzazione e ristrutturazione della rete di vendita, con un piano di investimenti che ha l’obiettivo di migliorare la gestione, qualificare ed estendere la presenza di Robintur su tutto il territorio italiano, ampliare l’offerta ed innovare processi e tecnologie con particolare attenzione al digitale.

Il nuovo gruppo, quindi, punta su pricing aggressivo e nuovi modelli di affiliazione. «Grazie alle nuove dimensioni del Gruppo, alla sua forza contrattuale, alle sinergie ed alle economie di scala che potrà generare, Robintur sarà in grado di offrire soluzioni di viaggio particolarmente vantaggiose alla clientela, a partire dai soci Coop con i prodotti a marchio come quelli proposti nel folder Viaggiare da soci», riporta la nota di Robintour spa.

Accanto alle agenzie dirette di proprietà, infatti, l’obiettivo dichiarato è quello di lavorare allo sviluppo dell’associazione in partecipazione, del franchising e di altri modelli innovativi, come ad esempio le agenzie Coop Viaggi all’interno dei centri commerciali.

Il primo test partirà il prossimo anno nell’ipercoop Miralfiore a Pesaro e nel Coop&Coop San Ruffillo a Bologna. La sperimentazione proseguirà sviluppando ulteriori azioni integrate con la rete Coop sul piano del marketing, dell’ecommerce e dell’integrazione del servizio ai soci e ai clienti.

Il presidente della nuova Robintur, eletto dal cda, sarà Stefano Dall’Ara, direttore partecipate diversificate di Coop Alleanza 3.0, con compiti di rappresentanza, indirizzo e controllo. Il direttore generale è Claudio Passuti (ex vicepresidente di Robintur e presidente di Egocentro e Robintur Travel Partner), coadiuvato da Tina Giglio, direttore rete, personale e organizzazione, e da Andrea Cocchi, direttore amministrazione, finanza, controllo e sistemi.

  Categorie

L'Autore