Raffles, il 15 aprile apre il Madive Meradhoo

Raffles, il 15 aprile apre il Madive Meradhoo
27 marzo 13:38 2019 Stampa questo articolo

Ha preso il via il tour di presentazione dell’ultimo nato dell’iconico e lussuoso marchio di hôtellerie Raffles, il Madive Meradhoo, il 14° resort della catena.

Tan e Di PatrizioCome ha spiegato Janice Tan, direttrice sales & marketing del Raffles Maldive Meradhoo, accanto a Patrizia Di Patrizio, direttrice di The Luxory Lab, società di rappresentanza di resort di alta gamma, «la soft opening della struttura sull’atollo maldiviano di Gafu Alifu, zona più a sud dell’arcipelago, ancora incontaminata e naturale, è prevista per il 15 aprile prossimo. Tra i plus del villaggio, oltre al leggendario butler service h24, il privilegio di poter essere l’unico a offrire delle sistemazioni eccezionalmente spaziose rispetto alle altre realtà maldiviane». 

Il Madive Meradhoo è una struttura super lusso, raggiungibile in 50 minuti di idrovolante dall’isola di Malé dalla quale dista 404 chilometri, con un totale di 38  ville e residence costruiti su due atolli, uno naturale e l’altro overwater. Il primo conta 13 ville, 5 deluxe, 3 Raffles Royal Residences e l’unico Raffles Royal Residence di 1.400 metri quadri: tre camere da letto separate da giardino e piscina, soffitti ampi, vetrate a scomparsa sull’ambiente tropicale circostante, spiaggia privata, piscina a sfioro e terrazzo all’aperto. Nel secondo, raggiungibile tramite un servizio di navetta che lo collega con l’isola principale, si trovano le 14 ville overwater, delle quali 7 sono rivolte verso il tramonto. Costruite direttamente sul reef, vantano terrazze con un pannello di vetro sul pavimento per ammirare la vita sottomarina. Nella parte più esterna dell’atollo si trovano l’Overwater Residence e il Sunset Overwater Residence, rivolto a ovest, entrambi di 300 mq e con due camere da letto ciascuna.

Tra i servizi top che offre il Raffles Maldive Meradhoo, la Spa, anch’essa overwater, con terapie esclusive di rilassamento e ringiovanimento e tre ristoranti – Thari, Firepit e Yuzu, Nikkei – e due bar – Yapa Sunset e il Long Bar – Inoltre, c’è la possibilità di cenare romanticamente in villa.

Non da ultimo è il ventaglio di attività offerte tra cui yoga o pilates, ma soprattutto quelle over e underwater. E i più romantici avranno la possibilità di ammirare il tramonto sulla linea dell’equatore, che dal resort dista meno di un’ora di barca. 

  Articolo "taggato" come:
  Categorie

L'Autore

Veronica Pons
Veronica Pons

Guarda altri articoli