Qantas, Royal Jordanian & co: sei vettori adottano lo Iata Travel Pass

Qantas, Royal Jordanian & co: sei vettori adottano lo Iata Travel Pass
07 Ottobre 10:57 2021 Stampa questo articolo

Si amplia la platea di compagnie aeree che adottano il Travel Pass di Iata: nel corso dell’Agm Iata a Boston, altri sei vettori – Etihad Airways, Qatar Airways, Qantas, Jetstar, Jazeera Airways e Royal Jordanian – hanno infatti annunciato di aderire al programma. L’annuncio è il risultato di undici mesi di test approfonditi da parte di 76 compagnie aeree, tra cui Emirates cheè stata l’aerolinea pioniera di questa innovativa app.

«Dopo mesi di test, Iata Travel Pass sta entrando nella fase operativa – ha dichiarato Willie Walsh, direttore generale Iata – E l’app si è dimostrata uno strumento efficace per gestire il complesso pasticcio delle credenziali sanitarie di viaggio richieste dai governi. Ed è un grande attestato di fiducia che alcuni dei marchi di compagnie aeree più conosciuti al mondo lo renderanno disponibile ai propri clienti nei prossimi mesi».

L’app offre ai viaggiatori un modo sicuro e protetto per verificare i requisiti per il loro viaggio, ricevere i risultati dei test e scansionare i certificati di vaccinazione, verificare che soddisfino i requisiti di destinazione e di transito e condividerli senza sforzo con i funzionari sanitari e le compagnie aeree prima della partenza. Ciò eviterà code e congestione per i controlli dei documenti, a vantaggio di viaggiatori, compagnie aeree, aeroporti e governi.

L’app mobile è infatti  in grado di ricevere e verificare una serie di risultati dei test COVID-19 e certificati di vaccini digitali. Attualmente i certificati di vaccino di 52 paesi (che rappresentano la fonte del 56% dei viaggi aerei globali) possono essere gestiti utilizzando l’app. Questo aumenterà a 74 paesi, che rappresentano l’85% del traffico globale, entro la fine di novembre.

Si prevede che lo Iata Travel Pass svolgerà un ruolo chiave nella ripresa del settore dell’aviazione dall’impatto del Covid-19. Una soluzione digitalizzata per gestire le pratiche burocratiche delle credenziali sanitarie di viaggio Covid-19 supporterà il ritorno al viaggio alla riapertura delle frontiere. Con molti governi che si affidano alle compagnie aeree per il controllo dei documenti Covid-19, questo sarà fondamentale per evitare code e congestione al check-in man mano che i viaggi aumenteranno di volume.


  Articolo "taggato" come:
  Categorie

L'Autore