Pst, superato l’esame delle Commissioni. Il varo a fine mese

23 gennaio 22:09 2017 Stampa questo articolo

Passato indenne all’esame delle commissioni parlamentari, il Piano strategico per il turismo si avvia verso il varo definitivo, pronosticato per il prossimo Consiglio dei ministri, quindi per fine mese. Nel passaggio in X Commissione (Attività produttive) presieduta da Guglielmo Epifani, il Pst è stato sostanzialmente promosso anche se non a pieni voti.

Giudizio sospeso, infatti, per Mattia Fantinati (Movimento 5 Stelle) che attende di verificare l’effettivo ritorno economico di un Piano costato fino ad oggi 1,5 milioni di euro tra studi e consulenze esterne, e stigmatizza le operazioni sinora attuate con riferimento in particolare ai siti Verybello.it e al portale Italia.it che hanno rappresentato – secondo il parlamentare – un enorme spreco di denaro pubblico.

Valutazioni positive, invece, sono giunte dal relatore Ignazio Abrignani che ha osservato: «Non si possono che condividere le tre linee guida del Piano che intende innovare, specializzare e integrare l’offerta nazionale, accrescere la competitività del sistema turistico e sviluppare un marketing efficace e innovativo al fine di omogeneizzare gli standard di qualità percepita dai mercati. Particolare merito va dato alla scelta di valorizzazione dell’immenso patrimonio culturale italiano, testimoniata dall’impostazione del decreto “Art bonus“, elemento che marca la differenza dell’operato di Franceschini rispetto ai ministri che lo hanno preceduto».

Di particolare interesse, poi, la riflessione di Tiziano Arlotti (parlamentare del Partito Democratico) che ha evidenziato come «questo Piano pone finalmente in risalto le misure da adottare per contrastare il fenomeno della concorrenza sleale e dell’abusivismo nel settore turistico. A tal proposito la proposta di legge in materia di home restaurant appena licenziata dall’assemblea della Camera dei deputati, rappresenta un primo intervento normativo che, nell’ambito della sharing economy, procede senz’altro in tale auspicabile direzione».

Al termine del confronto in commissione, la sottosegretaria al Mibact con delega al turismo, Dorina Bianchi ha sottolineato che «per la prima volta il sistema turistico italiano ha una strategia condivisa. Un impegno reso tangibile anche dalle stime sugli investimenti, con un flusso medio annuo dell’1,8% per i prossimi 10 anni, per attestarsi a circa 11 miliardi di euro nel 2026».

A questo punto il varo definitivo del Piano strategico è atteso, salvo imprevisti sempre dietro l’angolo, per fine mese.

  Categorie

L'Autore

Andrea Lovelock
Andrea Lovelock

Guarda altri articoli