Polonia protagonista in Toscana. Minczewa: «Italia mercato fondamentale»

Polonia protagonista in Toscana. Minczewa: «Italia mercato fondamentale»
15 Luglio 07:00 2022 Stampa questo articolo

La regione polacca Maloposka e la Toscana hanno siglato una partnership per la promozione reciproca dei loro territori, che ha visto la presentazione della Toscana in terra polacca a giugno. La seconda parte del programma prevede la promozione della Maloposka che, tra il 21 e il 24 luglio, sarà in giro per la regione italiana con un tour di eventi da scoprire.

L’accordo è nato grazie ai molti punti in comune tra le due regioni, in quanto a numero di siti Unesco, ricchezza gastronomica, unicità paesaggistica e patrimonio culturale e storico, e dalla collaborazione dell’Ente Nazionale Polacco per il Turismo e l’Ente di Promozione della Regione Malopolska con Toscana Promozione Turistica.

Il capoluogo di regione, Cracovia, ha ospitato lo scorso mese la regione Toscana; pertanto, ora quest’ultima ospiterà il camper promozionale della regione polacca che si muoverà tra Firenze, San Gimignano e Siena, proponendo assaggi di prodotti tipici, concorsi e voli in mongolfiera.

Barbara Minczewa, direttrice dell’Ente Nazionale Polacco per il Turismo in Italia, ha confermato l’importanza della collaborazione e dell’evento a livello turistico ed economico: «La Polonia è una destinazione per il turismo outgoing e il mercato italiano è sempre stato per noi molto importante e fino al 2019 era uno dei nostri maggiori e più importanti mercati incoming, facendo registrare 600mila arrivi dall’Italia».

E continua: «Non a caso, Cracovia si situa proprio in testa nella classifica per la scelta delle destinazioni polacche da parte degli italiani che si posizionano al terzo posto tra gli arrivi dall’estero nella città, grazie ai comodi collegamenti aerei dall’Italia, ma anche alla ricchezza culturale, paesaggistica e gastronomica della regione Malopolska. Cracovia e Firenze sono già gemellate, è giunta l’ora di creare ponti tra queste due straordinarie regioni».

L'Autore