Perché il travel risorgerà:
cronache dal futuro

Perché il travel risorgerà:<br> cronache dal futuro
01 Dicembre 07:00 2020 Stampa questo articolo

C’è una deadline segnata in rosso nelle agende di mezzo mondo: primavera 2021. La stagione che con tutta probabilità vedrà ripartire viaggi e lavoro nel turismo organizzato. È la speranza di un intero settore che ricorderà il 2020 come l’anno del più grande choc economico, quello causato dalla pandemia. E dunque, arrivati a dicembre, dopo mesi di disperazione e incredulità, è il momento di guardare anche con ottimismo al futuro più prossimo e di cogliere i piccoli e grandi segnali che già permettono di vedere la luce in fondo al tunnel.

Il vaccino prima di tutto: è evidente che l’unica vera svolta verrà dall’ormai imminente distribuzione del vaccino contro il Sars-CoV-2. Ben vengano gli esperimenti di passaporti sanitari (Iata ha appena lanciato il Travel Pass, ndr), la creazione di corridoi turistici e i protocolli di sicurezza, ma la vera ripartenza del settore avverrà nel momento in cui la popolazione mondiale inizierà a essere vaccinata.

Leggi il nuovo numero de L’AGENZIA DI VIAGGI MAGAZINE – “La ricostruzione”

Nel frattempo, a piccoli passi, l’Unione europea sembra voler accogliere la pressante richiesta della travel industry di dotarsi di regole comuni per i viaggi intra-Ue e di creare un sistema di tamponi rapidi in tutti gli aeroporti europei. Una mossa che potrebbe essere implementata entro l’inizio del 2021 e darebbe una mano al trasporto aereo. Perfino il realista Michael O’Leary, ceo di Ryanair Group, alle prime notizie sull’efficacia dei tre vaccini, si è lasciato poi prendere dall’entusiasmo. «Per l’estate 2021 ci aspettiamo un traffico passeggeri che torni al 75-80% dei livelli di crisi pre-coronavirus», ha detto durante il Wtm Virtual, l’evento londinese che per la prima volta è andato in scena solo virtualmente.

Ma proprio per le fiere passa anche il futuro del travel trade e i segnali vanno proprio in direzione di una primavera 2021 di rinascita. Sarà altissima la concentrazione di manifestazioni nel periodo marzo-giugno 2021 – da Bit Milano a Fitur Madrid, passando per l’Atm di Dubai e il Wtm Latin America – che sanciranno non solo il ritorno degli appuntamenti fisici, ma anche il nuovo modo di viaggiare e fare turismo.

Se il settore, infatti, sembra stia pian piano mettendosi alle spalle i mesi della crisi più nera è anche perché associazioni, movimenti e organizzazioni in Italia sono riuscite – non senza difficoltà e contrasti – a fare sentire la loro voce ai piani alti dei governi e delle amministrazioni regionali. Proprio mentre scriviamo, infatti, agenzie di viaggi, t.o. e guide turistiche stanno ricevendo aiuti di vario genere. Fondi perduti, prestiti e altre formule di sostegno che nella maggior parte dei casi permetteranno di far fronte alle casse ormai vuote e di affrontare un inverno ancora rigido sia lato vendite, sia lato costi. La pillola d’ottimismo è che questi aiuti possano frenare almeno in parte l’emorragia di chiusure a cui si rischia di assistere a inizio 2021.

Ma le adv non sono state certo a guardare durante questa lunga traversata nel deserto. La capacità di reinventarsi e di trovare occasioni di business è stato un fattore distintivo: dai temporary shop natalizi alla modalità da consulenti, da chi ha sperimentato il turismo di prossimità agli investimenti in formazione, fino alla nascita di modelli basati su coworking e imprese full digital: il cliente si troverà nel 2021 un agente iper-formato e informato, che nonostante le difficoltà ha sfruttato questo periodo per rinnovare la sua professionalità.

Ripartirà anche il settore aereo, falcidiato dalle restrizioni ai viaggi, e che ha visto già parecchi movimenti: la chiusure di Air Asia Japan, il merger tra Asiana e Korean, il ridimensionamento dei colossi europei (Lufthansa, Iag, Air France, easyJet) e gli aiuti di Stato che hanno mantenuto a galla le compagnie di mezzo mondo.

La nota positiva, però, è forse la più improbabile: a inizio 2021 torna in pista il Boeing 737 Max. Dopo quasi due anni di stop in seguito allo schianto in Etiopia, numerosi test e rodaggi e un nuovo software di gestione del sistema di controllo automatico Mcas, le agenzie di sicurezza Ue e Usa hanno dato il via libera a Boeing. Così l’aeromobile single aisle che doveva rivoluzionare i cieli (minor consumo di carburante e più efficienza operativa anche sulle tratte medio-lunghe) avrà la possibilità di farlo con 2 anni di ritardo e in un momento in cui tutto il settore deve ripartire da costi contenuti e flessibilità. In questi mesi, inoltre, molte compagnie hanno venduto o rottamato parte della flotta sia per esigenze economiche che per l’anagrafe dei velivoli: per Boeing sarà l’occasione giusta per far ripartire gli ordini già da inizio anno.

Infine, le travel bubble e il modello crociere: sono il simbolo della resilienza, dell’avanguardia e della forza di un intero settore, soprattutto nel cuore della vecchia Europa, che ci porteremo anche nel futuro. «Protocolli che hanno garantito sicurezza e intrattenimento – secondo il ceo di Msc Crociere, Gianni Onorato – e che saranno un modello per altre ripartenze in tutta l’industria. Anche negli Stati Uniti, per esempio».

Leggi tutto l’approfondimento nello sfogliabile online de L’AGENZIA DI VIAGGI MAGAZINE  di questa settimana

L'Autore

Gabriele Simmini
Gabriele Simmini

Redattore

Guarda altri articoli