Palmucci in pole position per l’Enit

Palmucci in pole position per l’Enit
12 ottobre 10:19 2018 Stampa questo articolo

A poche ore dalle forti dichiarazioni sull’Enit rilasciate a Rimini dal ministro del Mipaaft, Gian Marco Centinaio, il nodo sulle nomine del consiglio di amministrazione sembra prossimo a sciogliersi.

Per il vertice dell’Agenzia voci sempre più insistenti danno in pole position Giorgio Palmucci, già presidente di Confindustria Alberghi, con un’importante esperienza nel settore turistico-alberghiero e una lunga militanza associativa. Un profilo che ben si adatterebbe alla volontà di Centinaio, che alla guida di Enit vada un «tecnico».

giorgio palmucciMilanese, 57 anni, Palmucci ha rivestito ruoli di primo piano nell’industria: dalla poltrona di direttore amministrativo e successivamente direttore generale di Club Med a quella di amministratore delegato e dg di Hotelturist Spa; e da ultimo executive vice president di Th Resorts. Nell’ambiente non sfugge il fatto che lo stesso Centinaio sia stato area manager nord Italia per il Med da cui proviene Palmucci.

In ogni caso, l’iter per l’assegnazione delle cariche si annuncia tutt’altro che semplice, anche perché non si conoscono ancora i papabili a ricoprire le altre due poltrone del cda Enit lasciate libere da Antonio Preiti e Fabio Lazzerini.

Tra i nomi in circolazione per il ruolo di consigliere c’è solo quello di Magda Antonioli Corigliano, direttrice del Master in Economia del turismo dell’Università Bocconi, e da anni figura di riferimento in ambito ricerca per la travel industry tricolore.

La terza casella del cda, invece, dovrà invece essere riempita da un esponente espresso dalle Regioni, da ricercare con ogni probabilità nelle figure dirigenziali che già si occupano di programmazione turistica. Anche in questo caso, infatti, peserebbe la richiesta del ministro Centinaio di avere un’altra personalità «tecnica» nella stanza dei comandi dell’Agenzia.

A.L.-G.M.

L'Autore