Nel 2018 i Puffi sulla livrea di Brussels Airlines

Nel 2018 i Puffi sulla livrea di Brussels Airlines
29 settembre 11:14 2017 Stampa questo articolo

Con una votazione durata dieci giorni, i fan di Brussels Airlines hanno scelto i Puffi come protagonisti della nuova livrea che vestirà l’Airbus A320 della compagnia belga e che sarà operativo in Europa a partire da marzo 2018. L’iniziativa è stata promossa nell’ambito dell’edizione numero 5 del Belgian Icon Contest. L’ideatrice del progetto vincitore è Marta Mascellani, studentessa italiana e sorella di un pilota di Brussels Airlines, che ha totalizzato il maggior numero di voti e che seguirà il processo di realizzazione dell’aereomobile dietro le quintem oltre a partecipare al volo inaugurale.

Il vettore aveva già vestito i suoi A320 con le immagini del fumetto belga Tintin, dell’artista surreale René Magritte e con i colori dei Belgian Red Devils, la nazionale di calcio. Brussels Airlines è, inoltre, la compagnia aerea ufficiale del festival di musica elettronica Tomorrowland, che ogni anno si tiene nella cittadine belga di Boom. “Vogliamo essere ambasciatori dello spirito belga nel mondo. Anche a bordo, offrendo ai nostri ospiti prodotti tipici della nostra cultura e gastronomia come cioccolatini, birre e menù studiati da stellati chef belgi”, hanno fatto sapere dalla compagnia.

Membro del gruppo Lufthansa e di Star Alliance, Brussels Airlines attualmente conta più di 3.500 dipendenti e 51 aeromobili che operano circa 300 voli ogni giorno, collegando l’hub di Bruxelles a oltre 100 destinazioni premium europee e africane e agli aeroporti di New York Jfk, Washington e Toronto. Dallo scorso marzo, opera cinque voli settimanali verso Mumbai, in India. I collegamenti a lunga percorrenza sono gestiti con A330-200 e A330-300. Oltre alle sue 21 destinazioni in Africa e in Nord America, Brussels Airlines e i suoi partner intercontinentali operano anche voli in codeshare a lungo raggio negli Emirati Arabi Uniti,  Giappone e Thailandia.

  Articolo "taggato" come:
  Categorie

L'Autore