Msc e il maxi piano da 9 miliardi di euro

21 novembre 11:10 2017 Stampa questo articolo

Non c’è solo Meraviglia, la nave Msc Crociere con i suoi 18 piani di cabine, a stupire i media convocati a Civitavecchia, ma un piano industriale proiettato fino al 2026. Un progetto colossale che Leonardo Massa, country manager per l’Italia della compagnia, ha sintetizzato in alcuni significativi numeri: «Il piano prevede, da qui ai prossimi dieci anni, 11 nuove navi, frutto di due prototipi che in contemporanea si stanno progettando a Monfalcone, per un investimento complessivo di 9 miliardi di euro. Un impegno con tanti zeri per il traguardo ambizioso di trasportare in futuro oltre 4 milioni di crocieristi l’anno. Se consideriamo che nel 2003, con la nostra prima nave, Msc aveva movimentato 127mila passeggeri e che oggi, nel 2017, toccheremo 1,8 milioni di viaggiatori con una flotta di tredici navi, si può affermare con certezza che Msc è un’azienda italiana di caratura globale che si pone tra i protagonisti dei mari di tutto il mondo».

A Civitavecchia l’ultima ammiraglia della flotta, Msc Meraviglia, varata a giugno a Le Havre dalla madrina Sofia Loren, ha avviato il suo programma di crociere settimanali che per tutto l’inverno nel Mediterraneo occidentale. La più grande compagnia crocieristica a capitale privato, con base in Svizzera, ha così celebrato la prima toccata nel porto di Civitavecchia alla presenza delle autorità locali, media nazionali e internazionali.

«A ben vedere – ha poi aggiunto Massa – il mondo delle crociere è composto da un hardware costituito dalle navi e da un software rappresentato dagli equipaggi e dal servizio di bordo, ed è qui che si fa la differenza. Noi di Msc Crociere stiamo lavorando per portare nel mondo l’eccellenza del made in italy: dal design all’ospitalità di bordo, concretizzando una italianità che viene percepita dai nostri ospiti che sono di circa 30 nazionalità diverse. Basti pensare ai 50 milioni di pasti che serviamo ogni anno all’insegna della qualità gastronomica».

E in questa ambiziosa corsa al futuro Civitavecchia ricopre un ruolo cruciale perché per Msc rappresenta ormai un hub strategico nella destagionalizzazione: «Attualmente oltre 60mila italiani frequentano le nostre navi durante tutta la programmazione invernale. Meraviglia farà tappa a Civitavecchia fino al prossimo aprile 2018. E il prossimo anno, sempre a Civitavecchia, transiteranno sette unità movimentando almeno mezzo milione di passeggeri».

Tra i plus di Meraviglia, Massa ha poi menzionato il servizio Yacht Club per i clienti di fascia alta, con priorità d’imbarco, cabine spaziose e altri benefit di servizio come un maggiordomo a disposizione e il Port Info, un servizio innovativo che mira a fornire dettagliate informazioni sul territorio, i luoghi da vedere, a tutti i crocieristi che intendono conoscere meglio le peculiarità delle molteplici escursioni organizzate e proposte a terra. Inoltre, questo gigante dei mari ospita il più grande video-soffitto in led del mondo lungo 80 metri e largo sei lungo la Galleria Meraviglia, dove si affacciano boutique e altri negozi griffati.

Per far conoscere questo nuovo gioiello, Msc ha già pianificato per fine novembre una mega convention con circa 240 agenti di viaggi che saranno invitati a bordo per scoprire questa “Meraviglia” e avviare una commercializzazione a tutto campo. O meglio, a tutto mare.

  Articolo "taggato" come:
  Categorie

L'Autore

Andrea Lovelock
Andrea Lovelock

Guarda altri articoli