Msc Crociere, è arrivata Meraviglia:
la nuova regina del Mediterraneo

05 giugno 07:00 2017 Stampa questo articolo

Msc Crociere ha varato Meraviglia, in Francia, al porto di Le Havre – la città proprio in questi giorni sta festeggiando 500 anni di storia – inserendo così nella propria flotta la tredicesima ammiraglia, la prima del nuovo piano industriale che dal 2017 al 2026 vedrà la consegna di 11 unità, per un investimento totale di 9 miliardi.

Con una stazza lorda di 171.598 tonnellate, 315 metri di lunghezza, 19 ponti e una capacità massima di 5.714 passeggeri disposti in 10 diverse tipologie di cabine, Msc Meraviglia è la più grande nave a entrare in servizio quest’anno, in viaggio già da oggi in occasione della crociera inaugurale, partita da Le Havre e pronta ad arrivare fino a Genova.

«Si tratta del primo tassello che compone il nuovo piano industriale – commenta Gianni Onorato, ceo del Gruppo Msc – E poggia su tre pilastri che noi, nella costruzione delle nostre navi, consideriamo fondamentali: destinazioni, gastronomia e intrattenimento. A febbraio 2019, inoltre, arriverà anche Bellissima, gemella di Meraviglia».

Questa volta Msc si è proprio superata, destinando ai mari di tutto il mondo un vero gigante da oltre 700 milioni di euro, forte di una configurazione studiata curando ogni minimo dettaglio, dallo sky led di 80 metri che domina la promenade (Galleria Meraviglia) e regala effetti speciali di ogni tipo, all’esclusivo Yacht Club che conta la bellezza di 95 suite, offre servizio di maggiordomo 24 ore su 24, e al suo interno prevede zona benessere, solarium, piscina e ristorante. Tutto rigorosamente privato.

E ancora oltre 700 metri quadrati di negozi, 10 boutique e 180 marchi differenti. Una chicca per gli amanti dello shopping. Così come l’intrattenimento, tra il teatro Broadway e il Cirque du Soleil, che per Msc Meraviglia ha appositamente ideato due show, di scena sei sere a settimana, con la speciale possibilità di abbinare allo spettacolo una cena o un cocktail.

Servizi su servizi. Uno dopo l’altro. Compreso il casinò o la gettonatissima Aurea Spa, tutta balinese. E l’ampia gamma di opzioni gastronomiche, con 12 ristoranti e 20 bar, tra cui spiccano il Kaito Sushi Bar, il Ristorante Italiano e l’Eataly Food Market. Per i bambini, anche un’immensa Area Kids, suddivisa in più zone destinate alle differenti fasce di età e messa in piedi grazie alle speciali partnership siglate con Lego e Chicco.

«Questa nave è molto di più di quello che siamo riusciti a raccontare fino a ora attraverso le attività di comunicazione – dichiara Leonardo Massa, country manager di Msc Italia – La nostra intenzione è infatti quella di farla visitare agli agenti continuamente, per trasmettere loro il grande valore che possiede. Anche perché sono oltre 8mila le adv italiane che vendono le nostre crociere».

Un insieme incredibile di opportunità quindi, rese migliori anche grazie al programma Msc for Me, con vari servizi intelligenti e funzioni progettate al fine di offrire un’esperienza di vacanza completamente ottimizzata, come ad esempio la tecnologia immersiva Capture, che consente di visualizzare in anteprima le escursioni in programma attraverso la realtà virtuale e una galleria di schermi che proietta il diario di viaggio di ogni singolo ospite, da poter condividere all’istante.

«Le nuove navi che stiamo costruendo – aggiunge Pierfrancesco Vago, executive chairman di Msc Crociere – prevedono innovazioni sia nel prodotto che nel design. Meraviglia è la prima unità che esprime questa nuova visione dettando uno standard che permette alle crociere di diventare esse stesse una destinazione di vacanza. Altro fattore su cui stiamo lavorando, la sostenibilità. Vogliamo rendere la nostra offerta green, e per riuscirci siamo pronti a investire ancora».

La stagione estiva di Msc Meraviglia partirà l’11 giugno da Genova, con l’itinerario pronto a toccare altri cinque porti di imbarco: Marsiglia, Barcellona, La Valletta, Messina e Napoli. Scali che aprono le porte anche a escursioni esclusive e che si affacciano nel Mediterraneo occidentale, da sempre core business della compagnia che vede come fondatore e presidente esecutivo Gianluigi Aponte, emozionato e al tempo stesso soddisfatto nel celebre momento del varo, condiviso con la ormai consolidata madrina Sophia Loren, leggenda del cinema internazionale. Con la cerimonia che, tra un fuoco d’artificio e l’altro, si è chiusa all’insegna dell’arrivederci, a dicembre, quando sarà la volta di Msc Seaside, seguita a giugno 2018 da Seaview.

E nel 2022, un altro colosso, la prima World Class – ne sono previste altre tre tra il 2024 e il 2026 – che dovrebbe avere tutte le carte in regola per diventare la generazione di navi più grandi del mondo, da 200mila tonnellate e capace di ospitare oltre 6.500 passeggeri. «Queste nuove ammiraglie – conclude Vago – prolungheranno la nostra partnership con Stx France fino al 2026». E la sensazione che prevale, tra tutte, è che in casa Msc abbiano messo realmente il piede sull’acceleratore. Per tentare di battere ogni record.

  Articolo "taggato" come:
  Categorie

L'Autore

Giulia Di Camillo
Giulia Di Camillo

Guarda altri articoli