Meridiana, più aerei e posti di lavoro nel piano Al Baker

Meridiana, più aerei e posti di lavoro nel piano Al Baker
16 Febbraio 12:39 2018 Stampa questo articolo

Un weekend di fibrillante attesa per Meridiana prima della conferenza stampa di lunedì 19 a Milano che svelerà il piano industriale della nuova compagnia dopo l’acquisto del 49% da parte di Qatar Airways.

Trapelano, però, le prime notizie: una flotta che si rinnoverà con i Boeing 737 MAX 8 (primo vettore a introdurlo in Italia) e gli Airbus 330-200, un servizio di qualità e investimenti per 1500 posti di lavoro. Secondo le ultime indiscrezioni, inoltre, la flotta potrebbe passare da 15 a 50 aerei, di cui 20 a lungo raggio.

«Voglio confermare che i nostri investimenti sono di altissimi livello – ha annunciato l’ambasciatore del Qatar, Abdulaziz Bin Ahmed Al Malki Al Jehani, in visita in Sardegna in questi giorni.

In ballo anche il nome di Meridiana, che potrebbe diventare Air Italy e che ha già annunciato i nuovi voli per New York e Miami sul lungo raggio e  le cinque rotte nazionali tra Milano Malpensa e Roma, Napoli, Palermo, Catania e Lamezia Terme.

Lunedì 19 a Milano sono attesi Akbar Al Baker, ceo e presidente di Qatar Airways, insieme al chairman di Meridiana Francesco Violante, al presidente Marco Rigotti e al board director Akfed Sultan Allana.

Il piano industriale vedrà l’ingresso dal 1° marzo  prossimo di Air Italy dentro Meridiana Fly, che diventeranno un unico vettore. Oltre agli investimenti su Malpensa, Roma e i voli per la Costa Smeralda e gli Usa, la nuova Meridiana vedrebbe crescere anche il network internazionale con i collegamenti su Cuba, Cina, tanzania, Kenya, Russia, Egitto, Ghana e Senegal.

L'Autore