Marino: «Tutti i vantaggi di Grimaldi Tour Operator»

Marino: «Tutti i vantaggi di Grimaldi Tour Operator»
19 Aprile 07:00 2019 Stampa questo articolo

È il prodotto combinato trasporto+soggiorno la carta vincente di Grimaldi tour operator. Forte di un’offerta che si avvale appunto dei servizi della compagnia di navigazione e di collaudate partnership con i fornitori a terra in Spagna, Sardegna e Sicilia che sono le destinazioni programmate per l’estate 2019, come spiega Francesca Marino, passenger department manager.

«A parte l’Early Booking in tutte le strutture alberghiere presenti in catalogo, con sconto del 10% per chi prenota entro il 15 maggio, il nostro punto di forza è una programmazione con proposte che vanno a centrare i nostri due principali target di riferimento, le famiglie e le coppie», sottolinea la manager.

«È forte la sinergia tra prodotto-nave e destinazione con i servizi a terra che Grimaldi è in grado di assicurare – aggiunge Marino – In termini di vantaggi come tour operator c’è una maggiore velocità nelle soluzioni e nel trovare le migliori opportunità di soggiorno combinate con il viaggio in mare».

Programmazione ricca e diversificata, dunque, con un’ampia scelta di sistemazioni che vanno dai residence, adatti per le famiglie, agli alberghi di medio-alta gamma. «Circa le previsioni commerciali per la stagione estiva – rimarca Francesca Marino – confidiamo molto in un pieno rilancio della Spagna che presenta anche migliori condizioni di pricing, una buona crescita su Sardegna e consolidamento per la Sicilia».

Accanto alla summer un’altra iniziativa sulla quale Grimaldi Lines Tour Operator ha investito è la partnership con Hard Rock Cafè, orientata agli studenti. «Abbiamo realizzato l’iniziativa che si chiama appunto Hard Rock School on Board, orientata ai viaggi d’istruzione a tema e con una serie di eventi a bordo come Travel Game e AmareLeggere. Coinvolgiamo i giovani anche in momenti di formazione con lezioni teoriche e prove pratiche, quali ad esempio show cooking e altre esercitazioni molto inclusive. È un modo per avvicinare gli studenti al concetto dell’alternanza scuola-lavoro avvicinandoli a realtà internazionali», conclude la manager.

L'Autore

Andrea Lovelock
Andrea Lovelock

Guarda altri articoli