Il Mar Rosso sotto l’albero, top destination per svernare

Il Mar Rosso sotto l’albero, top destination per svernare
24 ottobre 07:00 2018 Stampa questo articolo

Mancano due mesi alle festività di Natale e a Capodanno, ma in agenzia sono già arrivate le prime richieste e qualche prenotazione per mete più o meno esotiche. Fermo restando l’interesse per le tradizionali New York e Maldive, la vera sorpresa è il Mar Rosso, «richiestissimo», come dice Massimiliano Ceccacci, titolare di Amaca Travel ad Acilia (Rm). «Per nostra fortuna è tornato, soprattutto con soggiorno mare a Sharm e operatore Eden. Il costo medio a persona per un periodo di altissima stagione è attorno a 900 euro a settimana». Bene anche Zanzibar, «meno ore di volo rispetto ai Caraibi, e crociere con destinazione Dubai».

«La richiesta per Marsa Alam e Sharm arriva da famiglie con bambini», aggiunge Carla Liaci, titolare di Liaviaggi a Frattamaggiore (Na). «La maggior parte prenota per Natale, costa meno rispetto a Capodanno: 900 euro contro i 1.200 a settimana». Liaci sottolinea come la gente abbia ancora l’idea del Mar Rosso come destinazione low cost, «ma non è più così. Oltretutto alcuni t.o. hanno ridotto il numero di escursioni per motivi di sicurezza e quindi l’opportunità di uscire dal villaggio. La crociera sul Nilo, ad esempio, non prevede più Il Cairo, se i turisti vogliono andare devono firmare una manleva». Anche da Ponte Travel Group a Treviglio (Bg) arrivano richieste per l’Egitto per il periodo di Natale, conferma Eleonora, responsabile reparto viaggi: «C’è una maggiore richiesta per Marsa Alam, soprattutto da parte dei giovani, che vendiamo con Alpitour e I viaggi del Turchese». Sempre gettonate le crociere ai Caraibi e le capitali europee con la formula volo+hotel. «Tra le novità natalizie c’è l’Oman venduto con il classico tour culturale che prevede tra le tappe Muscat, Sur, Wahiba e Nizwa. Per budget da 5mila euro a coppia».

«La ricerca dell’atmosfera natalizia a New York e a Londra è soprattutto ad appannaggio di coppie che prenotano volo+hotel, anche tre stelle con solo pernottamento», racconta Iris Bedin, titolare di Iris Viaggi a Legnano (Mi), che suggerisce anche esperienze come la messa gospel in zona Harlem o uno spettacolo a teatro. «I giovani entrano in agenzia per trovare soluzioni economiche per il Capodanno in una capitale europea: capiscono di spendere meno rispetto alla prenotazione online. I pacchetti sono più convenienti con orari volo migliori e hotel in zone centrali». Qualche richiesta anche per Lapponia con visita al villaggio di Santa Claus ed escursioni in slitta trainata da husky o renne. «Chi cerca il caldo vola alle Maldive, Zanzibar e Cuba, in strutture internazionali o piccoli villaggi. La formula all inclusive è comunque sempre richiesta». Bedin evidenzia l’incremento per short break benessere, «la mia proposta è Budapest, con giornata alle terme e un bagno nella birra».

Aumenta la domanda per località termali anche da Camaleonte Viaggi di Stefano Crugnola a Binasco (Mi), «soprattutto a Ischia e, in generale, in Toscana e Lombardia. Si tratta principalmente di una clientela senior, ma non mancano le coppie di giovani alla prima esperienza. Sono in ripresa le crociere ai Caraibi dopo la flessione dovuta ai recenti eventi meteorologici». Crugnola sottolinea l’importanza della prenotazione anticipata per settimane “calde” come quelle natalizie: «Prenotando con largo anticipo o scegliendo tra soluzioni ancora disponibili ci sono opportunità di risparmio. Negli ultimi anni siamo arrivati a oltre il 70% di prenotazioni anticipate. La media è comunque una prenotazione circa due, tre mesi prima».

L'Autore

Silvia Pigozzo
Silvia Pigozzo

Guarda altri articoli