Mandarin Oriental Lake Como aprirà nella primavera 2019

Mandarin Oriental Lake Como aprirà nella primavera 2019
07 agosto 11:38 2018 Stampa questo articolo

CastaDiva Resort & Spa sul lago di Como diventerà Mandarin Oriental Lake Como. Mandarin Oriental Hotel Group ha annunciato che subentrerà all’attuale gestione nella primavera 2019, dopo un’attenta ristrutturazione. Si tratta del primo resort del gruppo in Europa occidentale e Italia, nonché complemento dell’hotel di Milano, punto di riferimento per milanesi e per visitatori da tutto il mondo.

Situato sulla riva del lago di Como e incorniciato da giardini rigogliosi, il resort è un complesso di importanza storica che comprende 76 camere e suite all’interno di nove ville del XIX secolo. Per un soggiorno all’insegna di riservatezza e relax, due delle ville potranno essere prenotate anche in esclusiva. Gran parte degli alloggi avranno la vista sul lago, che gli ospiti potranno ammirare dai propri balconi e terrazze. All’interno della struttura si trovano quattro ristoranti e bar, tra cui una terrazza in riva al lago dove pranzare e cenare all’aperto, una spa con piscina interna e una esterna galleggiante sul lago, oltre a spazi esterni e sale dedicate a eventi e meeting.

«Siamo lieti di portare il brand Mandarin Oriental e il suo servizio sulle rive del lago di Como, da sempre tra le mete più ambite dai viaggiatori italiani e internazionali, e di collaborare con i nostri partner per creare uno dei più esclusivi resort in Italia», ha affermato James Riley, group chief executive di Mandarin Oriental Hotel Group. Il lago di Como è considerato da secoli una delle più affascinanti località turistiche nel nord Italia, grazie a una combinazione unica di montagna, giardini fioriti, ville che si trasformano in dimore di charme e panorami mozzafiato. Oltre agli splendidi scorci, offre ai visitatori percorsi di trekking, gite in barca e attività acquatiche e sportive. Facilmente raggiungibile dall’aeroporto di Milano Malpensa.

CastaDiva Resort & Spa è stato acquisito nel 2017 da fondi gestiti da Attestor Capital Llp.

L'Autore