Maltempo, weekend nero dall’Italia alla Florida

Maltempo, weekend nero dall’Italia alla Florida
11 settembre 08:55 2017 Stampa questo articolo

Weekend nero dall’Italia alla Florida, la prima sconvolta dal maltempo che domenica ha causato sei morti a Livorno, dove il sindaco ha richiesto lo stato di emergenza; la seconda in balia di Irma, l’uragano che ha devastato i Caraibi e che nelle ultime ore ha colpito Key West con venti fino a 215 chilometri orari e almeno tre nuove vittime.

Declassato prima a categoria 3, per poi passare a 2, Irma si è diretto lentamente verso la costa ovest della Florida continentale, dove in diverse città è stato ordinato il coprifuoco. Sul fronte del trasporto aereo, sono stati 10.700 i voli cancellati nei quattro continenti a causa dell’uragano.

Forti ritardi e cancellazioni di collegamenti aerei anche a Fiumicino per il temporale che ha investito Roma, oltre alla Toscana, e che ha provocato allagamenti a ridosso delle piste dello scalo. Inondata, in particolare, l’area parcheggi degli aerei protagonista di video e post di denuncia su Twitter. C’è chi dal proprio account ha sottolineato come l’aeroporto si fosse trasformato in “porto”; chi ha cinguettato: “Decolliamo o salpiamo?”. E ancora chi ha immaginato l’atterraggio di idrovolanti, con la consueta ironia che contraddistingue la community.

Al Leonardo da Vinci, come riferiscono alcuni passeggeri in partenza domenica, non è stata offerta da alcune tra le principali compagnie nessuna riprotezione a chi è rimasto a terra. Le vittime dei disservizi, a quanto si apprende, sono state costrette ad acquistare nuovamente il biglietto per uno dei voli regolarmente decollati in serata.

E mentre il maltempo ha fatto rotta verso sud, attraversando la Campania per arrivare secondo le previsioni in Sicilia, il Centro Italia alle 21.58 di domenica è stato colpito da un terremoto di magnitudo 3.9 con epicentro a Scurcola Marsicana, in provincia de L’Aquila, a una profondità di 8 chilometri. Una scossa di 9 secondi avvertita anche in Ciociaria, nella valle di Comino, a Sora e in alcune zone periferiche di Roma.

Tutto questo mentre il Mibact, poche ore prima, aveva pubblicato i dati ufficiali sul turismo italiano: il bilancio di un primo semestre da record e la stima di un settembre con il segno più, in linea con gli obiettivi di destagionalizzazione. Una previsione che per ora, in alcune zone del nostro Paese, risulta smentita dagli eventi.

  Articolo "taggato" come:
  Categorie

L'Autore

Roberta Rianna
Roberta Rianna

Direttore responsabile

Guarda altri articoli