Il made in Italy sbarca in Cina con Costa Venezia

06 marzo 07:00 2019 Stampa questo articolo

L’entrata in servizio di Costa Venezia segna l’inizio di una nuova era per Costa Crociere, che la vedrà sempre più protagonista sui mari d’Oriente, dove si gioca il futuro del settore crocieristico. Con una stazza lorda di 135.500 tonnellate, una lunghezza di 323 metri e una capacità di oltre 5.200 ospiti, la nuova nave realizzata da Fincantieri a Monfalcone è la prima progettata espressamente per il mercato cinese. Ispirata a una delle città più iconiche al mondo, Costa Venezia è destinata a diventare ambassador del Made in Italy in Cina, dove Costa è presente dal 2006, prima compagnia internazionale a proporre crociere al mercato locale.

«Porteremo questa ispirazione in Cina sia attraverso l’hardware della nostra nave, sia attraverso il prodotto che abbiamo costruito per i nostri ospiti asiatici – ha affermato Mario Zanetti, direttore generale di Costa Group Asia, durante la cerimonia di battesimo tenutasi a Trieste – con l’idea di offrire il meglio dell’italian lifestyle filtrato attraverso l’esperienza di Venezia e di quello che rappresenta in Cina e nel mondo».

Tutto a bordo fa rivivere l’unicità e il fascino della Serenissima, dalla main hall che ricorda Piazza San Marco, al teatro ispirato a La Fenice, ai ristoranti Marco Polo e Canal Grande, in cui è esposta un’autentica gondola creata dagli artigiani dello storico Squero di San Trovaso. «Le scelte di materiali e abbinamenti hanno portato a un risultato notevole – commenta Carlo Schiavon, country manager Italia di Costa – Io stesso sono molto colpito dalla capacità di questa nave di rappresentare l’Italia in un mercato dal potenziale enorme, in cui noi introdurremo un nuovo concetto di fare crociera, basato anche su un’esperienza gastronomica eccellente».

Di gusto italiano sono infatti le proposte dei ristoranti principali e del Casanova, con menù ideato dallo chef stellato Umberto Bombana, mentre l’offerta d’intrattenimento, con spettacoli dal vivo e feste in costume, rievoca la magia del Carnevale di Venezia. Caratterizzano la nave anche una serie di innovazioni pensate proprio per la clientela cinese: «L’area casinò è la più grande di tutta la flotta, con zone per fumatori – sottolinea Massimo Brancaleoni, senior vice president worldwide sales – Ci sono poi il karaoke e le boutique di Tiffany, Bulgari, Cartier e Juventus, frutto di una partnership esclusiva siglata per l’Asia. Anche gli itinerari più brevi, quelli di  3-5 notti, sono stati studiati per il mercato cinese».

Con Costa Venezia salgono a quattro le navi Costa posizionate stabilmente in Asia, alle quali nel 2020 si aggiungerà una quinta unità, gemella della Venezia, attualmente in costruzione negli stabilimenti Fincantieri a Malghera. Intanto, la prossima tappa del piano di espansione che comprende sette navi in consegna entro il 2023 per un investimento di oltre 6 miliardi di euro, è il battesimo di Costa Smeralda – nave alimentata con il gnl (gas naturale liquefatto) in navigazione – in programma il prossimo 3 novembre a Savona.

«L’evento sarà preceduto da una crociera di posizionamento di 14 giorni da Amburgo – annuncia Daniel Caprile, direttore commerciale Italia – L’itinerario prevede soste overnight nei porti di Rotterdam, Lisbona, Barcellona e Marsiglia per presentare le tante novità a bordo, dal ristorante dedicato alle famiglie all’area buffet spostata ai ponti 7-8 per decongestionare il ponte piscine».

L'Autore

Maria Grazia Casella
Maria Grazia Casella

Guarda altri articoli