Luna di miele anticonformista in savana o igloo

22 marzo 07:00 2019 Stampa questo articolo

22A bordo di un treno extralusso, pedalando tra i sentieri di montagna, in crociera su un antico veliero oppure abbracciati sotto le coperte in un igloo. Quando si tratta di honeymoon la fantasia non ha limiti. Lo sanno bene tour operator e agenzie di viaggi, che ogni giorno cercano di soddisfare anche gli sposini più esigenti.

Per gli avventurieri, stile Indiana Jones, la proposta è il safari in Botswana, nell’Africa meridionale. Nella savana, sul delta dell’Okavango, è facile incontrare giraffe, elefanti, zebre e gnu, e osservarli dall’alto, in totale sicurezza, grazie agli Sky Beds, piattaforme di legno di tre piani, con bagno privato e piumino d’oca sotto il quale rannicchiarsi la sera guardando il cielo stellato. 

Chi cerca una esperienza lontano dal caos può prenotare una fuga romantica in Finlandia, a caccia dell’aurora boreale in Lapponia, alloggiando in igloo di vetro totalmente immersi nella neve. Per una luna di miele versione antico Giappone, la meta suggerita è la valle di Iya, nella prefettura di Tokushima, a due ore e mezzo di viaggio da Osaka. Qui tra ponti di liane e pareti di montagna, in un angolo remoto dell’area, c’è il rifugio Chiiori, una fattoria del ‘700 con il tetto in paglia, riportata all’antico splendore. La struttura ha pavimenti di pino rosso e gli shoji, porte scorrevoli in carta di riso, ma anche aria condizionata e asciugami di puro lino. 

A 35 chilometri da Marrakech, in Marocco, si trova invece il piccolo deserto roccioso di Agafay, un luogo magico e incredibile: qui i promessi sposi possono pronunciare il fatidico sì circondati da dune di sabbia e festeggiare sotto le tende berbere, tra lanterne marocchine e danzatrici del ventre.

Per celebrare il loro giorno speciale, le coppie spesso scelgono una luna di miele on the road. C’è chi preferisce salire a bordo di un’auto decappottabile lungo la Route 66, chi in sella a una bici tra le cascate e i vulcani dell’Islanda o seguendo il cammino di Santiago di Campostela o chi ancora non vede l’ora di sorseggiare il tè in un comodo vagone della Transiberiana. 

Un percorso incredibile, quest’ultimo, che da Mosca conduce a Irkutsk, in Siberia, e anche oltre fino a Pechino, accompagnando gli sposi in un itinerario leggendario tra le città degli zar, steppe, laghi e paesaggi mozzafiato. 

Gettonate anche le crociere, meglio se su un antico veliero. Come quelli della compagnia Star Clippers che, per i neosposi, propone tappe da sogno in Indonesia, tra Bali e l’isola di Satonda, e offre un pacchetto ad hoc che comprende bottiglia di champagne in camera e cerimonia di benedizione celebrata dal capitano.

IN PARACADUTE O SUL KILIMANGIARO. Le coppie più intrepide possono lanciarsi con il paracadute a Moorea o Bora Bora, sposarsi sott’acqua nella barriera corallina alle Maldive o fare trekking sul Kilimangiaro, come propone il t.o. ViaggiaconCarlo 

CIAK, SI GIRA PER INNAMORATI. In viaggio di nozze poi la passione trionfa. Basta scegliere il tema. I cinefili possono optare per un percorso sui luoghi cult dei loro film o serie tv preferite: dall’isola di Matamata nel nord della Nuova Zelanda, dove sono state ambientate le trilogie del “Signore degli anelli” e di “Lo Hobbit”, ai vari set di “Game of Thrones” in Irlanda, Spagna e Croazia. 

L'Autore

Serena Martucci
Serena Martucci

Guarda altri articoli