Lo scacchiere dei voli Usa: meno Asia, più Europa

Lo scacchiere dei voli Usa: meno Asia, più Europa
29 Agosto 09:00 2018 Stampa questo articolo

Meno Asia (e Cina) e più Europa. A giudicare dalle ultime mosse delle più importanti compagnie d’oltreoceano la prossima winter, e ancora di più l’estate 2019, vedranno uno spostamento del baricentro delle rotte dal Far East al Vecchio Continente. Complici di questo ritorno di fiamma sono sicuramente fattori come la crescente competizione con le linee aeree cinesi, l’aumento del prezzo del carburante, ma anche il deterioramento delle relazioni commerciali tra Washington e Pechino.

American Airlines, ad esempio, ha annunciato di voler sospendere i collegamenti tra Chicago e Shanghai già a partire dal prossimo ottobre, dopo che lo scorso maggio aveva cancellato la tratta tra la stessa Chicago e Pechino. I motivo, in entrambi i casi, sarebbero relativi al costo del carburante troppo elevato e alla concorrenza.

Ma i tagli al network sono previsti anche sulla Chicago-Tokyo, che da dicembre passerà da giornaliera a tre volte alla settimana. Senza contare che altre riduzioni di capacità sono in previsione per Hawaiian Airlines sulla Honolulu-Pechino.

Insomma, mentre in Asia il traffico aereo sta facendo registrare un vero e proprio boom, per molti vettori americani è la domanda (soprattutto asiatica e cinese) a venire meno. Tutto il contrario di quanto avviene sulle rotte transatlantiche tra Stati Uniti ed Europa, mercato stagionale con la sua domanda stabile, ma che in certi casi sta registrando picchi di maggior business.

Risultato: Delta Air Lines aprirà dal prossimo maggio il Tampa Bay-Amsterdam, oltre ad aver deciso l’aumento delle frequenze tra Los Angeles, Amsterdam e Parigi Charles de Gaulle. A partire dal 16 giugno poi, partiranno i voli giornalieri tra New York Jfk, Parigi e Tel Aviv.

Stesso focus sull’Europa anche da parte di American Airlines, che da Philadelphia volerà per la prossima summer a Berlino Tegel, Bologna e Dubrovnik, senza contare le rotte aggiunte attraverso la joint venture con British Airways e Finnair per Heathrow e Helsinki.

  Articolo "taggato" come:
  Categorie

L'Autore