L’estate di Blunet, crescono fatturato e valore delle pratiche

L’estate di Blunet, crescono fatturato e valore delle pratiche
04 settembre 13:28 2018 Stampa questo articolo

Estate positiva per le agenzie di viaggi affiliate e associate del Gruppo Blunet, Bluvacanze e Vivere&Viaggiare. Il  consuntivo elaborato dall’ufficio vendite sulle pratiche con partenza giugno-settembre nelle oltre 700 agenzie restituisce una crescita costante sia per le prenotazioni che per il valore medio della pratica.

Il fatturato degli ultimi 4 mesi, quindi, fa segnare un +5% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno con l’advance booking che aumenta del 12% (dati del primo quadrimestre 2018). Successo a doppia cifra per il settore delle crociere con un +50% di advance booking relativo al secondo quadrimestre del 2017.

In un trend di crescita generale, con settembre sempre più protagonista (+6%), i mesi di marzo e luglio fanno registrare una lieve flessione. “ Se nel primo caso è possibile attribuire questo stallo alla situazione di incertezza economico/politica che si è venuta a creare in seguito alle elezioni del 4 marzo 2018 – sottolinea la nota di Bluvacanze – Per il secondo caso si nota una ridistribuzione dei flussi turistici che ha portato ad una generale diminuzione del fatturato”.

L’aumento del 5% del fatturato sulle partenze estive si rispecchia anche nell’aumento del valore medio pratica riscontrato nelle agenzie del Gruppo Blunet che rispetto allo stesso periodo dello scorso anno fa segnare un +4,5%.

Capitolo destinazioni in subbuglio con Grecia e Italia che confermano l’andamento dello scorso anno, mentre la Spagna ha perso quote di mercato in favore del Nordafrica. Sicilia e Sardegna, infatti, hanno trainato le vendite Italia al +4% rispetto al 2017, mentre la Spagna fa segnare una flessione superiore alla doppia cifra “equamente distribuita tra Baleari e Canarie per un trend che si è mantenuto costante tutto l’anno”. Egitto alla ribalta, invece, con una crescita superiore alla tripla cifra: Sharm El Sheik e Marsa Matrouh hanno seguito l’andamento che già Marsa Alam aveva messo in luce lo scorso inverno. Nel continente africano (che, al netto dell’Egitto, chiude l’estate con un +26%), ottime performance anche per Kenya, Tanzania, Botswana e Namibia.

Crescita poetica in agenzia anche per Maldive (+24%), Giappone (+68%) e Thailandia (+6%), mentre soffrono i Caraibi: Cuba e Messico trascinano l’area verso il basso facendo segnare dati negativi a doppia cifra.

  Articolo "taggato" come:
  Categorie

L'Autore