L’Egitto introduce più restrizioni per arginare la seconda ondata

L’Egitto introduce più restrizioni per arginare la seconda ondata
20 Novembre 13:49 2020 Stampa questo articolo

L’Egitto vara misure più forti per contendere l’inizio della seconda ondata della pandemia da coronavirus nel Paese. Così il premier egiziano, Mostafa Madbouly ha annunciato il divieto di assembramento, e sta ipotizzando anche alcune chiusure di siti e attrazioni turistiche. Maggiori restrizioni sono state già stabilite nelle stazioni, nelle scuole e nelle moschee.

Il primo ministro ha anche chiesto di ridurre l’affollamento nei luoghi di lavoro pubblici, dando agli enti governativi e ai ministeri la discrezione per determinare la capacità degli spazi e la eventuale chiusura di determinate strutture. Le ferrovie nazionali, infine, hanno annunciato l’obbligo di accedere alle stazioni con mascherine per tutti i passeggeri.

Secondo il portale della Farnesina, Viaggiare Sicuri, i cittadini stranieri ed egiziani intenzionati a recarsi in Egitto dovranno dotarsi di un certificato di test Pcr (tampone) negativo al Covid-19 effettuato entro le 72 ore precedenti all’orario previsto di partenza del volo.

Il certificato per essere accettato deve rispondere ai seguenti requisiti:
– deve includere la data e l’ora del prelievo che faranno fede per il conteggio delle 72 ore;
– deve essere rilasciato da un laboratorio autorizzato nel Paese di provenienza e riportarne il timbro. Non deve contenere abrasioni, cancellazioni o aggiunte;
– deve menzionare il tipo di campione preso per l’analisi;
– deve indicare che la tipologia di analisi effettuata è RT – PCR;
– deve essere redatto in lingua inglese o araba

La compagnia aerea è responsabile per il controllo dei certificati, che effettua già al momento del check in e può quindi rifiutare l’imbarco, qualora i medesimi certificati non rispondano ai requisiti stabiliti dalle autorità egiziane. I bambini al di sotto sei 6 anni sono esclusi da tale obbligo. I passeggeri che atterrano negli aeroporti di Hurgada, Marsa Alam, Sharm El-Sheikh e Taba, qualora sprovvisti di certificato, potranno effettuare il tampone all’arrivo in aeroporto.

Per tutte le informazioni e gli aggiornamenti è possibile consultare il sito della Farnesina alla scheda Paese Egitto.

  Articolo "taggato" come:
  Categorie

L'Autore