L’altro Mar Rosso è saudita:
cinquanta hotel di lusso nel 2030

L’altro Mar Rosso è saudita: <br>cinquanta hotel di lusso nel 2030
05 novembre 10:03 2019 Stampa questo articolo

red sea project wtmL’Arabia Saudita va alla conquista del Mar Rosso, facendone proprio il marchio turistico e puntando alla creazione di una destinazione di lusso lungo 28mila km di costa e su 22 isole. È il Red Sea Project che debutta al Wtm di Londra con la partecipazione della società The Red Sea Development Company. Imponente lo stand in fiera, segno dei colossali investimenti, testimoniati tra l’altro dalla sponsorship agli International Travel & Tourism Awards.

Diversificare l’economia, di fatto, è uno degli obiettivi della Vision 2030, in cui rientra questo progetto dai grandi numeri che prevede la costruzione di 50 hotel, per un totale di 8.000 camere, e la creazione di 35mila posti di lavoro. Il tutto in maniera totalmente green con l’impiego del 100% di energie rinnovabili, la messa al bando della plastica monouso e l’attuazione di operazioni carbon free.

In programma anche la realizzazione di un aeroporto, che ambisce a diventare un vero hub a cinque stelle, la cui costruzione è stata assegnata proprio in questi giorni alla britannica Fosters + Partners. Lo scalo, come del resto l’intero progetto, punta a essere completato entro 2030.

Nel giro di dieci anni, dunque, il turismo internazionale potrebbe decisamente cambiare volto.

  Articolo "taggato" come:
  Categorie

L'Autore

Roberta Rianna
Roberta Rianna

Direttore responsabile

Guarda altri articoli