La variante Ota, ultima sfida del travel

La variante Ota, ultima sfida del travel
04 Maggio 07:00 2021 Stampa questo articolo

Si travestono da super consulenti, spingono su assistenza e pacchetti da costruire online, puntano su attività e tour, spazzano il mercato con acquisizioni e alleanze. Le Ota – da Expedia a Booking passando per GetYourGuide e Trivago – cambiano veste, si evolvono, come varianti del loro stesso predatorio business model per essere più vicini al cliente, imitando agenzie e t.o.

Obiettivo: aumentare i volumi – già colossali – delle vendite rispetto al pre pandemia. Ma la distribuzione classica non rimane a guardare: network e operatori incoming (da Adriano Apicella di Welcome Travel a Chiara Gigliotti di Carrani Tours tra gli altri), investono in tecnologia, specializzazione e prodotto.

La convinzione è che nel post Covid il viaggiatore favorirà ancor di più esperienza e competenza. E vincerà il fattore umano, nonostante tutto.

LEGGI LO SPECIALE SULL’ULTIMO NUMERO SFOGLIABILE DE L’AGENZIA DI VIAGGI MAGAZINE

L'Autore

Gabriele Simmini
Gabriele Simmini

Redattore e giornalista de L'Agenzia di Viaggi Magazine.

Guarda altri articoli