La variante Ota, ultima sfida del travel

La variante Ota, ultima sfida del travel
04 Maggio 07:00 2021 Stampa questo articolo

Si travestono da super consulenti, spingono su assistenza e pacchetti da costruire online, puntano su attività e tour, spazzano il mercato con acquisizioni e alleanze. Le Ota – da Expedia a Booking passando per GetYourGuide e Trivago – cambiano veste, si evolvono, come varianti del loro stesso predatorio business model per essere più vicini al cliente, imitando agenzie e t.o.

Obiettivo: aumentare i volumi – già colossali – delle vendite rispetto al pre pandemia. Ma la distribuzione classica non rimane a guardare: network e operatori incoming (da Adriano Apicella di Welcome Travel a Chiara Gigliotti di Carrani Tours tra gli altri), investono in tecnologia, specializzazione e prodotto.

La convinzione è che nel post Covid il viaggiatore favorirà ancor di più esperienza e competenza. E vincerà il fattore umano, nonostante tutto.

LEGGI LO SPECIALE SULL’ULTIMO NUMERO SFOGLIABILE DE L’AGENZIA DI VIAGGI MAGAZINE

L'Autore

Gabriele Simmini
Gabriele Simmini

Redattore. Specializzato in trasporto aereo, network di agenzie di viaggi, tecnologia, estero, economia e fiere internazionali.

Guarda altri articoli