La criptovaluta Facebook
fa irruzione nel travel

La criptovaluta Facebook <br>fa irruzione nel travel
17 giugno 14:36 2019 Stampa questo articolo

Il modello è quello di WeChat, ovvero un sistema di pagamento legato a un social network per acquisire servizi e prodotti online. La differenza è che questa volta, al posto dei soliti colossi asiatici, a pensarci sarà Facebook, che lancia Project Libra, la moneta virtuale con cui i 2,4 miliardi di utenti attivi sul social fondato da Mark Zuckerberg potranno fare acquisti.

Una criptovaluta, insomma, che si è già assicurata il supporto di giganti come Visa, PayPal e, nell’industria del travel, Uber e Booking; tutti disposti a versare un gettone simbolico di 10 milioni di dollari per partecipare al consorzio di lancio e lanciare la sfida non solo ad Amazon e Google, ma anche ai rivali cinesi di Paytm, WeChat Pay e AliPay.

Per rendere stabile la valuta, ed evitare le fluttuazioni che hanno segnato la storia di Bitcoin e altre criptovalute, la Libra nascerà subito agganciata a un paniere di monete normali, quelle emesse dalle banche centrali, come il dollaro e l’euro.

Libra sarebbe utilizzabile anche da parte di chi non ha un conto in banca. Proprio come i pagamenti digitali su smartphone che hanno avuto un boom in Cina, nazione ormai all’avanguardia in questo campo: anche in quel caso ci sono giganti dei social o del commercio online che offrono dei conti digitali alternativi a quelli bancari.

Sul fronte del travel, secondo quanto ha calcolato Skift, con la criptovaluta i big come Booking Holdings potrebbero arrivare a risparmiare qualcosa come 500 milioni di dollari, ovvero l’importo che la multinazionale con sede ad Amsterdam avrebbe pagato nel 2018 come fee sui pagamenti attraverso carta di credito.

  Articolo "taggato" come:
  Categorie

L'Autore

Giorgio Maggi
Giorgio Maggi

Guarda altri articoli