La Costa Toscana ora si fa in sette

07 giugno 15:43 2019 Stampa questo articolo

Cammini e borghi, percorsi a bordo delle due ruote, itinerari avventura, ma anche vino e piatti della tradizione culinaria. La Toscana riparte da sette prodotti turistici e presenta i suoi 300 chilometri di costa, le sue spiagge e i suoi piccoli centri ricchi di cultura. È il nuovo progetto Costa Toscana – Isole Toscane, messo a punto da Toscana Promozione Turistica e presentato alla Stampa Estera a Roma da Stefano Ciuoffo, assessore al Turismo della Regione Toscana; Antonio Mazzeo, presidente della Commissione Toscana Costiera in Consiglio Regionale, e Francesco Palumbo, direttore dell’Agenzia Toscana Promozione Turistica.

Da Massa all’Argentario, la costa e le isole toscane sono luogo di avventure, cammini e percorsi di spiritualità, borghi e tesori d’arte e cultura, bike e turismo sportivo, matrimoni e  per amanti del food & wine. «L’obiettivo che ci siamo prefissi è quello di dare maggiore visibilità anche alle parti meno note della nostra regione ma non per questo meno ricche di fascino, di bellezza e di storia – ha aggiunto Antonio Mazzeo, presidente della Commissione Toscana Costiera in Consiglio Regionale – È soprattutto lì che possiamo far crescere la presenza turistica in Toscana aumentando e destagionalizzando l’offerta e proponendo ai visitatori itinerari tematici che sappiano spaziare su più province nella logica di un turismo più “pensato” e meno “mordi e fuggi”. Una grande scommessa, insomma, che non va in alcun modo a sostituire i brand e le specificità già presenti sul nostro territorio ma, anzi, punta a valorizzarle e farle conoscere sempre di più».

«La nostra Regione ha ampi margini di crescita – ha spiegato Francesco Palumbo, direttore di Toscana Promozione Turistica – Abbiamo a disposizione 337mila posti letto. Il 62% dei turisti che decide di soggiornare da noi preferisce il mare e, guardando ai mercati stranieri, a preferire le nostre spiagge sono soprattutto tedeschi, svizzeri e olandesi. Il nostro progetto strizza l’occhio anche ai Millennial, un target che considera la sostenibilità una priorità. Per questo vogliamo valorizzare le nostre aree marine protette».

Premiata con 19 Bandiere blu e 11 Bandiere verdi dei pediatri, assegnate a marzo alle località ideali per il tempo in spiaggia di bambini e genitori, la Costa Toscana è sempre più proiettata  anche verso la sostenibilità. Già da questa estate, ad esempio, i 900 stabilimenti balneari della Costa Toscana saranno “plastic free” grazie ad un accordo tra Regione e i territori costieri. E in autunno, dal 21 al 20 settembre, proprio sulla Costa Toscana, a Castiglion della Pescaia, si terrà la seconda edizione del G20 delle spiagge, il summit delle località balneari italiane che ha come obiettivo proprio quello di tracciare delle progettualità che abbiano come pilastri la sostenibilità, l’innovazione, l’accessibilità e la progettazione strategica.

L'Autore

Serena Martucci
Serena Martucci

Guarda altri articoli