Kkm debutta tra i t.o. con Enjoy Destinations

Kkm debutta tra i t.o. con Enjoy Destinations
19 Ottobre 11:21 2020 Stampa questo articolo

Offrire soluzioni di vacanze inedite e mettersi in pole position al momento della ripartenza: Kkm Group prosegue il suo percorso di crescita e presenta ufficialmente il nuovo tour operator di casa, Enjoy Destinations.

Specializzato nella costruzione di viaggi esperienziali, il tour operator, con sede a Milano, si rivolge esclusivamente alle agenzie di viaggi ed è affidato alla guida di Manuela Altinier, a capo della programmazione, ed Ernesto Adiletta, responsabile operativo. Accanto a loro, uno staff di Travel Makers con esperienza più che ventennale, che hanno fatto della propria passione il loro lavoro.

«In un’epoca in cui sempre più il modo di fare turismo è banalizzato e appiattito – dichiara Manuela Altinier – la nostra missione è proporre esperienze autentiche, rispettose dell’ambiente, dei popoli e delle tradizioni locali, per scoprire e godere della parte più vera delle destinazioni. Puntiamo sul contatto diretto con la cultura autoctona e cerchiamo sempre nuove rotte suggestive. Un approccio rivolto ai veri viaggiatori, dall’animo sensibile, attento e curioso».

Il risultato è una programmazione ricca di proposte in tutto il mondo, fatta di sei linee di prodotto: Travel Experiences; Events; One More Time; Luxury Travel; Best Sellers; Club & Disco, raccolte sul sito https://enjoydestinations.it/.

Andrea Cani, presidente Kkm, Gruppo che controlla anche il network di adv EnjoyNet, ha aggiunto: «Ho creduto fermamente in questo progetto che, sono certo, ci darà grandi soddisfazioni, grazie al lavoro meticoloso compiuto in questi mesi da Manuela, Ernesto e tutto il team. La loro grande abilità è stata quella di intercettare le nuove tendenze in atto nel mercato e proporre risposte finalmente in linea con le aspettative del cliente. Di pacchetti standard e vacanze nei luoghi comuni è pieno il web, ma pochi sanno a chi affidarsi o come organizzarsi quando si cerca qualcosa di veramente diverso. Lo stesso vale per il lusso: un segmento sul quale il mercato italiano non si è specializzato a sufficienza, che invece sarà il primo a ripartire e che noi potremo intercettare con una gamma di proposte all’altezza».

L'Autore

Giulia Di Camillo
Giulia Di Camillo

Guarda altri articoli