In Italia l’industria del travel è sempre più donna

In Italia l’industria del travel è sempre più donna
30 Ottobre 13:10 2017 Stampa questo articolo

Sono oltre 450mila e rappresentano il 10% delle imprese totali: dal 2015 ad oggi, quella delle imprese femminili nel turismo è una vera e propria scalata, che segna un +4,9% contro una crescita complessiva della filiera pari al 4,2%. Un trend, questo, a cui contribuisce soprattutto la performance del Sud, dove le realtà che operano nel travel guidate da donne sono più di 40mila. Il Nord Est, invece, risulta essere la macroarea geografica a più alto tasso di femminilizzazione (31% sul totale relativo al turismo). A dirlo ci ha pensato Unioncamere-Infocamere, con lo studio realizzato dall’Osservatorio sull’imprenditoria femminile.

La classifica per numerosità delle imprese femminili nel settore – con riferimento ai dati del 2017 – vede tra le prime dieci province Roma (10.622), Milano (5.597), Napoli (5.400), Torino (4.741), Brescia (3.262), Salerno (2.967), Bolzano (2.606), Firenze (2.367), Verona (2.322) e Genova (2.266). La maggior parte di queste sono attività di ristorazione (81,3%), servizi di alloggio (13,8%) e intermediazione (5%).

L’analisi ha inoltre reso possibile un identikit delle imprese in rosa, che per il 60% sono ditte individuali. Il restante 40%, invece, è suddiviso equamente tra società di persone e società di capitale.

 

  Articolo "taggato" come:
  Categorie

L'Autore