Il Giappone ci ripensa: confini chiusi a tutti gli stranieri

Il Giappone ci ripensa: confini chiusi a tutti gli stranieri
29 Novembre 13:40 2021 Stampa questo articolo

Un passo avanti e due indietro. La variante Omicron terrorizza anche il Giappone, che per prevenirne la diffusione all’interno del Paese chiuderà i suoi confini a tutti i visitatori stranieri non residenti, a partire da martedì 30 novembre. Il divieto si applica a tutti i Paesi, non solo a quelli con casi confermati della nuova variante. Esenti solamente i cittadini giapponesi e i residenti stranieri in Giappone.

La decisione, presa appena poche settimane dopo aver consentito l’ingresso a viaggiatori d’affari, studenti e stagisti stranieri, è stata annunciata dal neo eletto primo ministro Fumio Kishida, che ha dichiarato: «Questa è una misura preventiva e di emergenza per evitare lo scenario peggiore; è una misura straordinaria per il momento solo fino a quando non sapremo di più sulla variante Omicron».

Il Giappone ha già annunciato pochi giorni fa che avrebbe richiesto ai viaggiatori in arrivo in Giappone da nove Paesi dell’Africa meridionale  (Sudafrica e dalle vicine Namibia, Lesotho, Eswatini, Zimbabwe, Botswana, Zambia, Malawi e Mozambico) di effettuare una quarantena di 10 giorni all’arrivo in strutture designate dal governo.

La cosiddetta variante “sudafricana” inverte quindi la rotta del percorso che il Giappone, forte di quasi l’80% dei vaccinati e tassi di contagio sempre più bassi, stava intraprendendo verso le riaperture dei confini. Percorso che, dopo student e lavoratori, avrebbe presto anche riguardato i gruppi turistici. Nel frattempo alle Agenzie turistiche nazionali era stato chiesto di lanciare un programma di prova, attentamente selezionato, di tour su piccola scala per i turisti stranieri, che sarebbero dovuti arrivare in aereo e viaggiare su bus dedicati, non fermandosi però nelle grandi città, ma visitando parti meno densamente popolate del Giappone – come le aree rurali nelle prefetture di Chiba, Niigata e Nagano – rimanendo all’interno del loro hotel o resort.

Anche questi timidi e cauti esperimenti, però, sono per il momento rimandati a data da destinarsi.

  Articolo "taggato" come:
  Categorie

L'Autore

Roberta Moncada
Roberta Moncada

Roberta Moncada: Sinologa ed esperta di turismo cinese. Ha vissuto diversi anni in Cina, per poi tornare in Italia, dove attualmente lavora per diversi Tour Operator come accompagnatrice turistica ed organizzatrice di tour ed attività enogastronomiche per turisti cinesi.

Guarda altri articoli