Il Consorzio Costa Smeralda chiude il bilancio con ricavi da oltre 13 milioni

Il Consorzio Costa Smeralda chiude il bilancio con ricavi da oltre 13 milioni
03 Agosto 10:35 2020 Stampa questo articolo

Si è riunita al Conference Center di Porto Cervo la tradizionale assemblea generale del Consorzio Costa Smeralda, presieduta da Renzo Persico, dal vice Mario Ferraro, dai consiglieri Franco Mulas e Davide Cerea, e dal direttore generale Massimo Marcialis.

L’assemblea ha approvato i programmi, il bilancio previsionale e il bilancio consolidato di esercizio 2019, chiuso con ricavi a 13,295 milioni di euro, di cui circa il 54.45% da quote versate dai 3.889 consorziati.

Nel suo discorso ai consorziati, il presidente Persico ha evidenziato come «durante questi mesi difficili il Consorzio ha prestato massima attenzione sull’osservanza delle norme di tutela della salute di tutti coloro che soggiorneranno nel nostro comprensorio. La nostra Costa Smeralda ha tutte le caratteristiche ideali per regalare ai consorziati e agli ospiti serenità e contatto con la natura grazie alle sue caratteristiche territoriali e ambientali, ai suoi grandi spazi verdi e percorsi naturalistici. Desidero ringraziare il Consorzio e tutti coloro che ogni giorno lavorano prendendosene cura».

Mario Ferraro, vice presidente, illustrando le linee guida del piano strategico, ha affermato che «il rinnovamento della Costa Smeralda doveva iniziare proprio dal Consorzio, implementando e modernizzando le attività consortili per adeguarle alle esigenze dei consorziati e alle mutate preferenze dei turisti. Con l’obiettivo di avere una Costa Smeralda più prestigiosa, più ospitale, più accessibile abbiamo implementato un piano strategico di 5 anni: pedonalizzazione, accessibilità, destination marketing, più servizi ai consorziati, nuove attività di business. A distanza di  quattro anni possiamo dire di avere raggiunto dei risultati soddisfacenti realizzando la maggior parte dei progetti previsti dal piano».

Ambiente, nuove tecnologie e benessere sono i pilastri della strategia futura per il proseguimento del programma. La sostenibilità sarà un tema centrale a partire dal 2021, e ci sarà anche l’evoluzione della Costa Smeralda in una smart destination.

  Articolo "taggato" come:
  Categorie

L'Autore