Il 2021 delle fiere, primavera tra gli stand in Italia e nel mondo

Il 2021 delle fiere, primavera tra gli stand in Italia e nel mondo
01 Dicembre 07:00 2020 Stampa questo articolo

Sarà una primavera di “over exhibition” quella del 2021, con gli organizzatori che posticipano le fiere a quello che ci si augura sia il post Covid. A cominciare dall’annuncio di Bit, la Borsa internazionale del turismo inizialmente prevista nel mese di febbraio, che cambia data e si terrà invece a fieramilanocity dal 9 all’11 maggio 2021. Una scelta fatta per garantire agli addetti ai lavori un periodo adeguato per riorganizzare e pianificare al meglio il rilancio dell’attività e dell’offerta turistica, anticipandone gli scenari. Obiettivo è rendere ogni area tematica – leisure, mice, wedding, tech, experience e job – ancor meglio delineata e favorire, in modo più incisivo, l’incontro tra domanda e offerta.

Bmt, la Borsa Mediterranea del Turismo di Napoli, lo aveva già deciso la primavera scorsa – in tempi di lockdown – di rinviare tutto all’anno nuovo. E quindi, segnare in calendario l’appuntamento alla Mostra d’Oltremare dal 19 al 21 marzo 2021 per tornare in pista più forti di prima.

La Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico, in programma a Paestum dal 19 al 22 novembre, è stata posticipata all’8-11 aprile 2021, per far vivere in sicurezza a visitatori e addetti ai lavori la fiera e la bellezza del parco archeologico sito Unesco, dando il via alla ripartenza in chiave più esperienziale, sostenibile e rivolgendosi maggiormente alla domanda di prossimità.

Lo scenario è lo stesso nel panorama internazionale dove l’online va bene, ma meglio se c’è il live. Anche la fiera di Madrid, Fitur, decide di cambiare data per non soccombere alle strette imposte dai governi ai grandi eventi. Meglio reale che virtuale, per gli spagnoli che spostano tutto da gennaio a maggio, precisamente dal 19 al 23. Un cambio, spiega il managment, che preserverà il grande valore internazionale di uno dei maggiori eventi globali dell’industria turistica, in un momento in cui le fiere trade giocano un ruolo fondamentale per la ripresa del settore.

Dal vivo, e sempre in primavera, anche l’Arabian Travel Market, in programma a Dubai dal 16 al 19 maggio 2021 presso il Dubai World Trade Center. Riflettori puntati sull’attuale stato del settore e su cosa riserverà il futuro, analizzando le tendenze emergenti e come l’innovazione potrà guidare la ripresa.

Si sconfina a inizio estate con Wtm Latin America, che ha annunciato le nuove date 2021. L’evento è stato spostato da aprile del prossimo anno al 23-25 giugno, presso l’Expo Center Norte a San Paolo, perché il settore vuole incontrarsi di persona e aspetta dunque la riapertura delle frontiere e l’eliminazione delle restrizioni di viaggio.

SALTO IN AUTUNNO PER IPW. A cavallo tra fine estate e inizio autunno c’è Ipw, dal 18 al 22 settembre 2021 nella nuova West Hall del Las Vegas Convention Center. Il comitato ospitante sta pianificando le attività di show floor e media marketplace, nonché i relativi eventi ufficiali. La U.S. Travel Association estenderà tariffe speciali di registrazione per gli acquirenti di viaggi nazionali e internazionali. Tutti i buyer, se registrati entro il 30 giugno, potranno usufruire della tariffa di registrazione anticipata di 250 dollari. Dopo la scadenza del termine, la quota di registrazione per gli acquirenti internazionali sarà di 400 dollari.

«È così importante riunire di nuovo il mondo all’Ipw del prossimo anno a Las Vegas; ci auguriamo che queste tariffe scontate incoraggino gli acquirenti a registrarsi il prima possibile, poiché il settore dei viaggi globale attende con impazienza Ipw 2021», ha detto Malcolm Smith, general manager di Ipw. Registrazioni per gli espositori Ipw aperte già a novembre e per gli acquirenti e i media all’inizio del 2021.

«Come destinazione costruita sull’ospitalità, stiamo aspettando con impazienza l’opportunità di ospitare acquirenti nazionali e internazionali che parteciperanno all’Ipw il prossimo settembre – ha aggiunto Steve Hill, ceo e presidente della Convention and Visitors Authority di Las Vegas. Offrire a questi responsabili delle decisioni nel settore dei viaggi l’opportunità di incontrarsi faccia a faccia a Las Vegas offre un valore incredibile sia al settore che alla destinazione».

L'Autore

Claudia Ceci
Claudia Ceci

Guarda altri articoli