Idee per Viaggiare, compleanno luxury tra Dubai e Abu Dhabi

Idee per Viaggiare, compleanno luxury tra Dubai e Abu Dhabi
28 febbraio 13:19 2019 Stampa questo articolo

Cinque giorni alla scoperta di Dubai e Abu Dhabi, in compagnia degli agenti di viaggi che in questi vent’anni di attività negli Emirati hanno visto crescere e affermarsi sul mercato il tour operator Idee per Viaggiare, che continua a guardare avanti prospettando anche l’apertura di nuove sedi, forse su Milano.

È stato un compleanno speciale – circa 80 i partecipanti –  quello del t.o. di Acilia sulle destinazioni emiratine, che ha voluto festeggiare la sua presenza ventennale sul posto con soggiorni in hotel 5 stelle e con vista mare, visite ad attrazioni più e meno note come la Dubai Frame, la cornice più grande del mondo inaugurata pochi mesi fa, e cena di gala versione luxury nel ristorante del Bulgari Yacht Club, uno degli hotel più cari al mondo.

Un celebration fam trip, dai colori ufficiali nero e oro, che ha permesso alle adv di toccare con mano cosa gli Emirati Arabi Uniti possono offrire ai loro clienti. «Per noi è una festa nella festa – spiega Paola Schiavone, responsabile marketing dell’operatore – Ci è sembrato giusto celebrare la destinazione sulla quale abbiamo scommesso e che abbiamo visto cambiare e crescere. È un modo anche per ringraziare i nostri partner come Emirates e i corrispondenti locali».

Ad assistere le agenzie ci ha pensato direttamente la donna che per il t.o. cura da oltre 16 anni la destinazione, Tiziana Spila: «Volevamo raccontare due perle di una preziosa corona, due città diverse ma complementari. Il nostro valore aggiunto è vendere esperienze che abbiamo toccato con mano e non semplici pacchetti».

Danilo Curzi, ceo e cofondatore di Idee per Viaggiare, ha poi ricordato l’unicità e il particolare stile aziendale di Idee per Viaggiare, ringraziando i partner per la fiducia accordata vent’anni fa e ha voluto dedicare alcune parole al numeroso staff che ogni giorno si prodiga per migliorare l’azienda: «Probabilmente voi siete fortunati a lavorare per noi, ma sicuramente io e Roberto (Maccari, cofondatore, ndr) siamo fortunati a lavorare con voi».

L'Autore

Serena Martucci
Serena Martucci

Guarda altri articoli