A Fiumicino si vola a zero gravità per combattere il jet lag

02 agosto 08:06 2019 Stampa questo articolo

Dal 1° agosto all’Aeroporto di Fiumicino arriva RestArt, la prima Dry Float Spa dedicata al benessere dei viaggiatori, per rigenerarsi durante l’attesa tra un volo e l’altro.

Un progetto interamente italiano, ideato e realizzato da Starpool, azienda trentina specializzata da oltre 40 anni in wellness concept, che prevede una Dry Float Spa con due postazioni in cui provare l’esperienza innovativa e potente del galleggiamento asciutto.

Erede moderno, smart e tecnologicamente avanzato delle antiche vasche di sale per la deprivazione sensoriale, offre un’esperienza di comfort maggiore, senza la necessità di doversi spogliare né bagnare, potenzia gli effetti del rilassamento e può essere abbinato a percorsi di Mindfulness o a playlist musicali accuratamente selezionate.

Giochi di luci personalizzabili nel colore perfezionano l’esperienza, che può durare 10 (RestArt Refresh), 20 (RestArt Restore) o 30 minuti (RestArt Regenerate).  Basta sdraiarsi e lasciarsi andare, grazie al sistema unico e brevettato che permette di galleggiare sopra 400 litri di acqua calda.

Restart_StarpoolSi chiudono gli occhi e si parte per il “viaggio”. Il corpo è talmente leggero da galleggiare senza peso e la mente si libera da ogni ormeggio. All’esterno continua il viavai frenetico di un aeroporto in cui transitano, ogni anno, più di 40 milioni di passeggeri.

Il trattamento, a livello fisico, riduce stanchezza, dolori muscolari e articolari, contrasta la disidratazione dei tessuti e i gonfiori a piedi e gambe; mentre, a livello mentale, favorisce il rilassamento e aiuta a prendere sonno una volta decollati, contrastando l’ansia e la paura di volare.

«Siamo pronti ad affrontare questa nuova sfida e molto curiosi di ricevere i primi feedback dai viaggiatori che vorranno provare RestArt. Da tre anni in Starpool stiamo lavorando alle nuove applicazioni del dry floating: siamo convinti che il galleggiamento asciutto ricopra un ruolo chiave nei futuri sviluppi del mondo wellness. Ringraziamo l’Aeroporto di Fiumicino per questa preziosa collaborazione e ci prepariamo a offrire una pausa rigenerante ai viaggiatori di tutto il mondo» ha dichiarato Riccardo Turri, ceo Starpool.

  Articolo "taggato" come:
  Categorie

L'Autore

Antonella Caporaso
Antonella Caporaso

Guarda altri articoli