Fitur accelera su B2B Match e Mice

Fitur accelera su B2B Match e Mice
20 Novembre 07:00 2019 Stampa questo articolo

Specializzazione, business e professionalità: sono i tre grandi focus della prossima edizione di Fitur 2020, la fiera internazionale del turismo organizzata da Ifema dal 22 al 26 gennaio a Madrid.

Nell’edizione dei suoi 40 anni, infatti, Fitur ha ampliato ancora di più i programmi degli incontri B2B. Da un lato, infatti, cresce l’offerta di Fitur B2B Match – l’agenda studiata per buyer internazionali di tour operator e agenzie; dall’altro viene dedicato più spazio a Fitur Mice, l’area specializzata per il turismo incentive business ed eventi e congressi.

Entrambi i programmi delle due sezioni hanno registrato un ottimo successo: sono stati più di 9.000, infatti, gli incontri B2B svoltisi nell’ultima edizione  della fiera spagnola.

Le attività programmate per Fitur Match – nei  giorni 23 e 24 gennaio 2020 – metteranno in contatto le aziende partecipanti con un totale di 140 professionisti – dirigenti di agenzie di viaggi, aziende e tour operator – provenienti sia dai mercati consolidati, sia da quelli emergenti. In quest’ultimo caso, inoltre, il focus sarà sull’Area  Mena (Medio Oriente e Nord Africa), Cina e Russia.

Riguardo il settore congressi, eventi, incentive e business travel, invece, il programma specializzato Fitur Mice è previsto per i giorni 22 e 23 gennaio e vedrà la partecipazione di 100 rappresentanti dell’offerta, che incontreranno oltre 120 buyer qualificati provenienti da tutto il mondo. L’ampio spazio dedicato al Mice durante Fitur segue le tendenze globali, che vedono proprio la Spagna come una destinazione top per questo settore.

Il Paese iberico, infatti, detiene la terza posizione nel ranking dell’Associazione Internazionale dei Congressi e delle Convenzioni – Icca 2019, con la cifra di 595 eventi internazionali ospitati.  Prima della Spagna, ci sono solo gli Stati Uniti d’America (947) e la Germania (642).

Dalla sostenibilità al cineturismo: c’è spazio per ogni nicchia.
Come ogni anno, Fitur riserva delle particolari aree tematiche alle nicchie turistiche o ai grandi filoni. A partire dall’Osservatorio Fitur Next, la piattaforma dedicata alla sostenibilità, con la sua ricerca su come il turismo può contribuire allo sviluppo economico locale.

L’Osservatorio analizza centinaia di buone prassi in tutto il mondo. Allo stesso modo, la fiera di Madrid continuerà ad approfondire la specializzazione di alcune delle sezioni introdotte, fra cui Fitur Cinema e Fitur Festival, e conterà su spazi monografici già consolidati, come Fitur Gay (Lgbt+) e Fitur Salute, nonché le sezioni Fiturtechy e Know-How, in cui la tecnologia viene mostrata come uno strumento indispensabile per la crescita del settore e il progresso verso il concetto di turismo intelligente.

  Articolo "taggato" come:
  Categorie

L'Autore