Fine stagione di scioperi
per Ryanair, Iag e Alitalia

Fine stagione di scioperi <br>per Ryanair, Iag e Alitalia
26 agosto 09:34 2019 Stampa questo articolo

Cieli ad alto rischio in Italia e Spagna per i prossimi scioperi che interesseranno soprattutto quattro compagnie aeree: Alitalia, Iberia, Britsih Airways e Ryanair. Al momento la situazione più critica si registra proprio in terra spagnola, dove l’annuncio di Ryanair della prossima chiusura di 4 basi e il licenziamento di 512 dipendenti ha portato i sindacati alla minaccia di sciopero per ben 10 giorni a settembre.

LE ACCUSE A RYANAIR. La low cost irlandese, infatti, dal prossimo 8 gennaio 2020 chiuderà le basi di Gran Canaria, Tenerife Sur, Girona e Lanzarote lasciando a casa circa 350 assistenti di volo e quasi 200 piloti. La reazione dei sindacati non si è fatta attendere e i rappresentanti delle sigle Uso e Sitcpla hanno annunciato dieci giorni di sciopero totale del personale Ryanair nei seguenti giorni: 1, 2, 6, 8, 13, 15, 20, 22, 27 e 29 settembre.

Una risposta dura che è stata confermata nonostante gli sforzi del governo spagnolo di diminuire le giornate di mobilitazione. Per i rappresentanti di Uso, la compagnia irlandese mente sul fatto che la chiusura delle basi sia dovuta al grounding dei 737 Max e agli effetti di una hard Brexit , piuttosto insiste sulla volontà di Ryanair di sbarazzarsi della legislazione lavorativa spagnola sul lavoro che sarebbe più cara che in altre zone d’Europa. Dal 2 al 4 settembre, infine, anche i lavoratori inglesi di Ryanair e iscritti al sindacato Balpa dovrebbero incrociare le braccia.

TRE GIORNI DI SCIOPERO PER BRITISH AIRWAYS. Intanto da Londra lo scorso venerdì è arrivato l’annuncio dei piloti appartenenti alla British Airline Pilots’ Association (Balpa), che hanno comunicato le tre date dello sciopero promesso lo scorso luglio. Nei giorni del 9, 10 e 27 settembre, quindi, incroceranno le braccia anche i piloti di British Airways, causando la cancellazione di migliaia di voli del vettore britannico. La decisione, secondo le stime del sindacato, dovrebbe provocare al vettore inglese una perdita di circa 40 milioni di sterline al giorno.

NODO HANDLING A BARCELLONA. A fine agosto, invece, il personale di terra di Iberia provocherà non pochi disagi. Il sindacato Ugt, infatti, ha convocato due giornate complete di sciopero (stop di 24 ore) all’aeroporto di Madrid-Barajas per il 30 e 31 agosto. Queste mobilitazioni si aggiungono a quelle già fissate a Barcellona El Prat negli stessi giorni (oltre a quelle avvenute il 24 e 25 agosto) e a Bilbao per l’8 e 9 settembre.

Proprio a Barcellona si sono registrati i maggiori disagi lo scorso fine settimana, quando Vueling ha dovuto cancellare ben 112 voli proprio a causa dello sciopero dei servizi di terra, e altri vettori hanno dovuto procedere con ulteriori cancellazioni (Emirates, Avianca e Air Lingus, ndr). È bene precisare infatti, che il 65% delle compagnie aeree che opera a El Prat si affida proprio ai servizi di handling di Iberia. In ogni caso, sia la compagnia spagnola che la società Iberia Airport Service hanno reiterato l’invito al dialogo ai sindacati con l’obiettivo di trovare una soluzione anche “all’ultimo minuto”.

INTANTO IN ITALIA. In Italia, invece, dopo un agosto tranquillo sul fronte scioperi a settembre si riparte con varie proteste. È prevista per venerdì 6 settembre, infatti, una lunga giornata di mobilitazione che interesserà il trasporto aereo, ma anche quello pubblico locale.

A livello nazionale si fermeranno i dipendenti Sea e delle società Handling di Milano Linate e Malpensa per 24 ore. Ancora per 24 ore ci sarà una protesta dei dipendenti Alitalia a livello nazionale mentre Fast-Confsal ha indetto uno sciopero nazionale dei dipendenti delle aziende dei vettori aerei sempre a livello nazionale. Per quanto riguarda Alitalia è previsto anche uno sciopero di 4 ore indetto da Confael Assovolo dalle ore 10 alle ore 14.

Per il trasporto pubblico locale, invece, si fermeranno per 4 ore i dipendenti Atm Milano e quelli di Napoli con orari ancora da definire. Il 16 settembre a Roma, infine, ci sarà uno sciopero dei mezzi pubblici con il personale Tpl e Cotral che incrocerà le braccia per 24 ore. Il 22 settembre toccherà allo sciopero di Trenord in Lombardia della durata di 23 ore a cui seguirà uno sciopero di Atm a Milano indetto per il 27 settembre. Il 23 settembre, invece, a scioperare sarà ancora una volta il personale Alitalia.

  Articolo "taggato" come:
  Categorie

L'Autore

Gabriele Simmini
Gabriele Simmini

Redattore e giornalista de L'Agenzia di Viaggi Magazine.

Guarda altri articoli